Mettiti all’ultimo posto

Invita i poveri

Ieri Domenica 28 agosto nelle chiese è stato letta la parte del Vangelo di Luca in cui Gesù invitato a pranzo, notando che gli invitati sceglievano i primi posti, disse: “Quando sei invitato a nozze non metterti al primo posto, perchè non ci sia un altro invitato più degno di te e colui che ha invitato lui e te venga a dirti: “Cedigli il posto”.

Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto.

Invece quando sei inivitato va a metterti all’ultimo posto perchè quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico vieni più avanti!”.

Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali, perchè chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”


Disse poi a colui che l’aveva invitato: “Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici nè i tuoi parenti nè i ricchi vicini, perchè a loro volta non ti inivitino anch’essi e tu abbia il contraccambio.


Al contario invita poveri, storpi, zoppi, ciechi e sarai beato perchè non hanno da ricambiarti”.


Poi sè pregato anche così: “Perchè la saggezza ci preservi dalle tentazioni della ricerca esasperata del successo e della lotta per il potere”
.
Così commentava la liturgia di ieri il settimanale “Messa Festiva”: “Chi si umilia sarà esaltato”. Come possiamo mettere in pratica questa frase del Vangelo?

Per diventare umili, bisogna cominciare ad amare, cercare di amare tutti quelli che incontriamo”.


A cura di Arrigo Antonellini

Ultime Notizie

Rubriche