Sa di libertà

Fatti di casa nostra

Quale quotidiano si può permettere di uscire mettendo in prima pagina la “notizia” di una pesca?

Di giornali ce n’erano già tanti, se nove anni fa abbiamo voluto farne uno nuovo, on line, l’abbiamo voluto fare diverso.

E il bello è che di intelligentilettoriproprietari ne abbiamo incontrati sorprendentemente tantissimi.

Una pesca, un pesco, piantato nell’autunno del 2014 in piena città, nel giardino di casa, che nell’agosto 2015, un pesco “tardivo” di pasta bianca, con il pelo, ha prodotto UNA pesca.

Che in questi giorni ne ha maturate 34, tutte “battezzate” una ad una, per familiari ed amici.

Che sono finite, tra gli altri, alle nipoti e ad un’altra bimba di sette anni, Giulia: “Sa di libertà, di natura, buonissima”, ha detto.

La pesca, il frutto della nostra terra di Romagna, del lavoro di tantissimi di noi, protagonista importante del nostro benessere, del nostro ben vivere perchè frutto di duro lavoro

.

 Arrigo Antonellini

Ultime Notizie

Rubriche