Il Blasone di Lugo di Paolo Baldrati

È stato presentato alla biblioteca comunale F.Trisi

È stato presentato il libro di Paolo Baldrati (1864-1928) Il blasone di Lugo e gli stemmi delle famiglie lughesi e la riproduzione anastatica delle Tavole albriziane di Lugo.



L’iniziativa si è svolta alla biblioteca comunale “Frabrizio Trisi” di Lugo ed è stata organizzata dal Nuovo Diario Messaggero.

Sono intervenuti per l’occasione Davide Ranalli, sindaco di Lugo; Anna Giulia Gallegati, assessora alla Cultura del Comune di Lugo; Claudio Leombroni, direttore della biblioteca Trisi di Lugo; Andrea Ferri, direttore del Nuovo Diario Messaggero.

Il blasone di Lugo di Paolo Baldrati, datato dall’autore 20 aprile 1904, occupa un posto di rilievo tra i libri e i manoscritti conservati nelle raccolte storiche della biblioteca Trisi. 


Anzitutto per la specificità della tematica trattata che, come scrive l’autore, colma una lacuna, giacché l’unica raccolta di stemmi delle famiglie lughesi sino ad allora disponibile – le Tavole Albriziane del 1765 – è incompleta e “ha il difetto principale di non essere a colori e di mancare quindi degli smalti, distinzioni indispensabili delle armi gentilizie”. 


In secondo luogo per lo studio dello stemma del comune di Lugo, che Baldrati ricostruisce sulla base delle evidenze storiche e non soltanto della grammatica del linguaggio araldico. 

Inoltre, per le considerazioni che il manoscritto può stimolare negli studi di settore, avendo visto la luce in un periodo in cuil’araldica era impopolare e considerata “scienza vana, assurda, spregevole, turiferaria dell’Olimpo nobiliare” (Goffredo di Crollalanza, introduzione alla nuova edizione della Grammatica araldica di Felice Tribolati, 1904 Hoepli).

Ultime Notizie

Rubriche