Il sindaco Bassi apre l'assemblea provinciale dell'Anci

Discussi temi prioritari in vista della XVIII assemblea congressuale che si terrà in ottobre



Al municipio di Ravenna si è volta l’assemblea provinciale Anci per discutere il decreto enti locali – legge di stabilità 2017.

Dopo l’introduzione del coordinatore provinciale Anci Daniele Bassi, sindaco di Massa Lombarda e la relazione del presidente regionale Anci Daniele Manca, sindaco di Imola, i sindaci della provincia di Ravenna hanno unanimemente condiviso alcune importanti riflessioni in merito al sistema degli enti locali e alle difficoltà crescenti nell’amministrare la cosa pubblica.

“Pur riconoscendo che il governo centrale ha attuato scelte positive come aver posto fine alla fase dei tagli lineari iniziata 20 anni fa – hanno dichiarato i sindaci -, l’eliminazione del patto di stabilità, le procedure di rinegoziazione dei mutui con la cassa depositi e prestiti, i sindaci hanno evidenziato che il sistema delle autonomie locali soffre per il sostanziale azzeramento dell’autonomia impositiva e l’eccessiva difficoltà di poter programmare nuovi investimenti, in quanto il nuovo regime di contabilità di fatto congela ogni possibilità”.

“La debole ripresa non corrisponde a un disagio sociale in aumento che rischia di generare crescenti conflitti – hanno aggiunto -, mentre per i sindaci, il welfare e le risposte ai bisogni dei cittadini, delle famiglie e delle imprese resta l’impegno prioritario. È necessario un confronto puntuale con il governo centrale per rilanciare gli investimenti partendo dai Comuni e recuperare autonomia impositiva a partire dalla imminente legge di stabilità 2017. 


I sindaci, cioè le comunità locali, stanno pagando da troppo tempo la centralizzazione delle materie che al contrario, in un’ottica realmente federalista, dovrebbero permettere al livello istituzionale più vicino ai cittadini, cioè al Comune, di poter disporre di margini di manovra oggi assenti”.

Di tutto ciò e di altre questioni prioritarie quali la gestione della situazione dei richiedenti protezione internazionale (ormai diventata strutturale e non più emergenziale), il recente drammatico sisma che ha colpito le popolazioni del centro Italia, si discuterà durante il consiglio regionale Anci del 20 settembre prossimo, in vista della XVIII assemblea congressuale di ottobre (XXXIII assemblea nazionale) che si svolgerà a Bari e che, tra l’altro, porterà all’elezione del nuovo presidente nazionale Anci.

Ultime Notizie

Rubriche