Passione blu il report di Hera sull’acqua del rubinetto

Grazie all’acqua di rete risparmiati 3 milioni di cassonetti per plastica


Torna In buone acque, screening completo del ciclo idrico del Gruppo, fotografato in tutte le prestazioni della sua gestione.



Performance positive su controlli di rete e investimenti (oltre 127 mln nel 2015). Ottima qualità dell’acqua del rubinetto, garantita da oltre 730.000 analisi (2.000 al giorno) di cui oltre 122.000 solo nel ravennate.

Acqua del rubinetto: promossa a pieni voti

Pollice alzato per l’acqua gestita dal Gruppo Hera. Tutti positivi, infatti, gli indicatori che raccontano l’impegno del Gruppo nella gestione del servizio idrico, sempre più efficiente e sostenibile. A dirlo sono i numeri, contenuti nell’ottava edizione di In buone acque, il report della multiutility sull’acqua del rubinetto, che dimostrano che l’acqua di rubinetto è buona da bere e sicura. Sull’acqua nel 2015 sono state fatte 736.442 analisi di qualità (oltre 2.000 al giorno). Il 99,9% dei controlli fatti indica il pieno rispetto dei requisiti di legge. 


Le analisi hanno riguardato anche gli antiparassitari e aspetti non normati, come contaminanti emergenti e fibre di amianto. Anche in questi ambiti i risultati hanno confermato la qualità e la sicurezza dell’acqua di rubinetto.

Al secondo posto in Italia per volumi di acqua erogata (300 milioni di metri cubi all’anno), il Gruppo serve oltre 3,6 milioni di abitanti e 239 comuni di Emilia-Romagna, Marche e Triveneto.

Ravenna, acqua buona e sicura: oltre 122.000 analisi nel solo 2015 lo garantiscono.

I risultati si vedono anche nel ravennate. Proprio qui, infatti, Hera serve 392.000 abitanti, attraverso 18 fonti di prelievo e 3.744 km di rete acquedottistica sulla quale vengono immessi ogni anno 38,6 milioni di metri cubi d’acqua. Cifre importanti, accompagnate – soprattutto – dalla certezza di un’acqua buona e sicura, conforme a legge al 99,92% e garantita da oltre 122.000 analisi effettuate nel solo 2015 da Gruppo Hera, Asl e Romagna Acque nel territorio di Ravenna.

Agire locale, pensare globale: l’acqua e le buone pratiche, nell’interesse dell’ambiente

Mai come in questo caso, del resto, un’azione locale – condotta dall’azienda e rafforzata dalle buone pratiche dei cittadini – può contribuire a determinare importanti effetti globali, a partire dalla riduzione delle bottiglie di plastica, un tema che tocca da vicino proprio l’Italia, al terzo posto nel Mondo dopo Messico e Thailandia per consumo pro capite di acqua in bottiglia.


Nel territorio servito dal Gruppo, in particolare, l’acqua del rubinetto è stata già scelta nel 2015 dal 35% dei clienti, che hanno così evitato la produzione, il trasporto e lo smaltimento di 245 milioni di bottiglie di plastica (che riempirebbero oltre 3 milioni di cassonetti), nonché le relative emissioni di CO2. Altri 450 milioni di bottiglie potrebbero essere evitati.

Senza dimenticare un calcolo dei possibili benefici economici: scegliere l’acqua di rubinetto al posto della minerale consente a una famiglia di tre persone di risparmiare fino a 270 euro all’anno.

Investimenti nel territorio superiori del 50% rispetto alla media italiana

Nessun miracolo e tanto lavoro: questo il segreto del successo. Perché gestire il servizio idrico significa occuparsi della risorsa naturale più importante e irrinunciabile, dalla quale dipende – in ultima istanza – la stessa vita umana. Al centro di importanti programmi internazionali sul futuro del Pianeta e riconosciuto come diritto universale dell’uomo dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l’oro blu rappresenta il settore su cui il Gruppo Hera concentra da sempre la maggior parte dei propri investimenti.


I 127,2 milioni di euro del solo 2015, infatti, si innestano su un’azione di più lungo periodo, con cui la multiutility – fin dalla sua nascita – ha investito ogni anno mediamente 100milioni di euro. Nel territorio servito dal Gruppo gli investimenti sono circa il 50% superiori rispetto alla media italiana (41 euro per abitante rispetto ad una media di 28 euro).

L’entità di questo impegno, che indica all’Italia la strada da seguire per adeguare i propri interventi alla media europea, ha consentito di intervenire a 360° su 35.000 km di rete acquedottistica, 18.600 km di fognature, 464 impianti di depurazione e 434 impianti di produzione e potabilizzazione.

Tutto questo con un costo di mille litri di acqua di rubinetto di soli 2 euro, valore che è quasi la metà di quello che si paga nelle altre nazioni europee.

Il report, cartaceo e on-line con tanti approfondimenti e curiosità

Tante le informazioni a disposizione di chi ama i dettagli. Tutti i valori della qualità dell’acqua, relativi alle concentrazioni medie rilevate, sono infatti consultabili – territorio per territorio – sul report, che anche quest’anno sarà disponibile in versione cartacea presso gli sportelli clienti del Gruppo Hera ed è già consultabile on-line all’indirizzo www.gruppohera.it/report, dove una serie di altri focus contribuisce a fornire un quadro completo del servizio idrico integrato gestito dalla multiutility e del contesto, nazionale e internazionale, in cui questo si inserisce.

I dati contenuti nel report sono verificati dall’ente di certificazione indipendente DNV GL.

Fogacci: “un report trasparente sul nostro impegno per un’acqua buona, sicura ed economica”

“L’acqua è uno dei temi fondamentali della sostenibilità – dichiara Franco Fogacci, Direttore Acqua di Hera. – L’attenzione che il Gruppo vi dedica nasce proprio da questa consapevolezza e si traduce in tante azioni concrete, tese al consolidamento e allo sviluppo di un sistema idrico efficiente, sicuro e sostenibile, che offra garanzie di lungo periodo al territorio servito.


Con questo report – prosegue Fogacci – intendiamo dare seguito a una trasparenza che ci contraddistingue da sempre, assicurando un’acqua buona, economica e sicura a tutti i cittadini, anche per sostenerne e incentivarne le buone pratiche, nell’interesse del territorio, dell’ambiente e delle generazioni future.”

Ultime Notizie

Rubriche