Matrix

L‘Unione dei comuni ha imposto all’azienda l’obbligo dei miglioramenti sismici degli edifici esistenti

In merito alle recenti evoluzioni della vicenda legata all’insediamento dell’azienda ODA nel Comune di Conselice, ed in particolare rispetto al tema dell’adeguamento strutturale degli edifici, si precisa quanto segue.

L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna non si è mai attivata in queste settimane per concedere una proroga sull’adeguamento sismico, ma per perfezionare gli obblighi dell’azienda rispetto agli interventi strutturali da effettuare con riferimento agli ultimi pareri espressi dal Comitato Tecnico Scientifico della Regione Emilia-Romagna (n. 121/2016 inerente il miglioramento sismico dei singoli immobili facenti parte dello stabilimento).

Rispetto alle posizioni iniziali della società ODA, che contestava in toto la richiesta dell’ufficio sismica di effettuare interventi sugli immobili esistenti di vecchia costruzione, la ditta ha presentato le pratiche per le autorizzazioni sismiche relative alle opere di intervento su tutti i fabbricati secondo i contenuti dei pareri regionali che prescrivevano i miglioramenti sismici.

Il Comitato Tecnico Scientifico il 26 luglio 2016 asserisce la correttezza applicativa del parere 121/2016, che consentiva a O.D.A. di operare. In relazione a tale situazione il Servizio edilizia dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, ha conseguentemente emesso atto integrativo al Certificato di Conformità edilizia e Agibilità ricognitorio.

Il certificato di conformità edilizia e agibilità del fabbricato industriale, rilasciato il 14 dicembre 2015 (prot. 59327), consente di operare nel rispetto di prescrizioni transitorie.

La ditta dovrà provvedere, entro 150 giorni dall’11 agosto 2016, al miglioramento sismico relativamente ad una delle strutture preesistenti; entro 210 giorni (dalla stessa data) al miglioramento sismico delle restanti strutture preesistenti.

L’atto integrativo conferma inoltre, che nelle more dei termini di cui sopra, nei fabbricati in oggetto può essere svolta l’attività già espressamente autorizzata con l’Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.) n. 4071 del 19 dicembre 2013 ricompresa nella Valutazione d’Impatto Ambientale (V.I.A.) deliberata della Giunta regionale n. 24 il 13 gennaio 2014.

In merito al trasporto del materiale, l’Ucbr precisa che dal mese di marzo 2016 al 31 agosto 2016, nei diversi controlli predisposti dalla Polizia municipale, in collaborazione con la Polizia provinciale di Ravenna e la Polizia municipale di Argenta (a seguito di un protocollo di collaborazione sottoscritto tra le due Amministrazioni comunali per il controllo dei mezzi pesanti) sono stati controllati, nel solo territorio del Comune di Conselice, n. 159 veicoli pesanti diretti alle Aziende Oda, Unigrà e ad altre destinazioni.


Dai controlli effettuati i veicoli, sia a pieno carico che vuoti, sono risultati in regola con le normative vigenti sul trasporto di materiali.

“Il risultato ottenuto nell’ambito di questo complesso procedimento – spiega il Presidente dell’Ucbr Luca Piovaccari – è molto significativo in termini di tutela della sicurezza del territorio e della comunità coinvolti da questo insediamento”.

“Aver ottenuto il miglioramento sismico degli edifici esistenti è molto importante – sottolinea il Sindaco di Conselice Paola Pula – ma non ci fermiamo qui. Siamo infatti impegnati per predisporre ulteriori monitoraggio ad ulteriore tutela ambientale del territorio, oltre a quelli già ottenuti con gli enti preposti”.

Ultime Notizie

Rubriche