Il presidente della Regione Bonaccini in vista allo zuccherificio di Massa Lombarda

Il progetto di rigenerazione urbana di quest’area va nella giusta direzione



Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, accompagnato dal sindaco di Massa Lombarda Daniele Bassi, ha fatto visita agli stabilimenti dell’ex zuccherificio di Massa Lombarda, in via Ilaria Alpi.



Erano presenti inoltre il vice sindaco Carolina Ghiselli, il consigliere regionale Mirco Bagnari, Igino Poggiali per LugoNextLab e una rappresentanza dell’azienda leader in agricoltura Syngenta Italia, proprietaria dell’area.

Sull’area, esempio di archeologia industriale, è in fase di studio e analisi un progetto di rigenerazione urbana che mira al recupero degli spazi. Il progetto è sviluppato dagli architetti dell’Officina Meme di Ravenna, presenti anch’essi alla visita odierna, e prevede la realizzazione di un polo dedicato all’innovazione e alla ricerca, oltre al recupero di spazi urbani all’aperto liberamente fruibili.

La storia dell’ex zuccherificio e del suo recupero è stata al centro di una tavola rotonda che si è svolta a in occasione della XXVI Fiera biennale della Bassa Romagna, lo scorso 17 settembre. ospiti dell’occasione furono Maria Cristina Garavelli e Lara Bissi di Officina Meme Ravenna (architetti che hanno progettato la rigenerazione urbana della Darsena di Ravenna e dello zuccherificio di Massa Lombarda), Eriuccio Nora, già direttore dell’area Pianificazione territoriale e Ambiente della Provincia di Modena, l’architetto ed ex deputata Luisa Calimani e il sindaco di Massa Lombarda Daniele Bassi.

“Il progetto che gravita attorno a quest’area è di vitale importanza per la nostra comunità – ha dichiarato il sindaco Daniele Bassi -, poiché non solo può restituire alla città un’area oggi abbandonata, recuperandone anche gli aspetti di pregio architettonico, ma può essere anche un volano capace di generare nuovi stimoli per la riqualificazione urbana, che come sappiamo è strettamente legata alla qualità della nostra vita. L’interesse mostrato da numerose aziende in questa prima fase progettuale ci suggerisce che la sensibilità del territorio si sta muovendo nella giusta direzione”.

“La Regione approverà a breve una legge urbanistica che traccerà una direzione nuova – ha dichiarato il presidente Stefano Bonaccini -: il consumo di suolo sarà a saldo zero e questo intervento si orienta nella giusta direzione, poiché appare capace di riportare a nuova vita un complesso molto grande e adiacente al centro”.

In seguito, il presidente Stefano Bonaccini ha approfittato dell’occasione per visitare anche l’azienda Wasp, produttrice di stampanti 3D, e gli Archivi di ricerca Mazzini, che dispongono di una collezione unica al mondo di circa 400mila capi d’abbigliamento e accessori.

Ultime Notizie

Rubriche