Il recupero della chiesetta di Villa Pianta


L’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo


La chiesetta di Villa Pianta, un piccolo borgo situato a lato della Reale fra Lavezzola e Voltana, ha riaperto le sue porte dopo molti anni di abbandono e progressivo degrado a causa dei quali l’edificio si trovava in una situazione talmente critica da rischiare il crollo.




Per scongiurare questo pericolo la Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo, che aveva ricevuto in donazione la chiesetta qualche anno addietro, ha realizzato una primaopera di recupero ricostruendo integralmente il tetto, totalmente crollato, in modo da proteggere e preservare l’immobile da una fine che si preannunciava imminente ed inevitabile. Sul lavoro effettuato hanno espresso il loro compiacimento anche il Sindaco di Alfonsine, Mauro Venturi, e Don Alberto Brunelli, ex Direttore della Caritas Diocesana, intervenuti all’evento. 


Come affermato da Raffaele Clo’, Presidente della Fondazione, nel suo saluto iniziale agli intervenuti “il lavoro portato a termine rappresenta il minimo indispensabile rispetto alle effettive necessità di recupero dell’edificio,ma le gravi difficoltà che la Fondazione si trova purtroppo ad affrontare, hanno comportato conseguenze assai dannose per l’intera comunità e per le sue espressioni più significative dal punto di vista istituzionale, religioso e sociale, che hanno visto interrompersi i contributi elargiti dall’Ente negli ultimi vent’anni, a sostegno di iniziative e progetti”. 


Pur avendo eseguito solo un intervento iniziale rispetto al lavoro di restauro necessario, si è ritenutoopportuno festeggiare questa “tappa” in quanto rappresenta il primo passo per “riconsegnare questo luogo sacro – come ha continuato Clo’ – a quanti l’hanno conosciuto e praticato in tempi in cui era funzionale ed a quanti l’hanno invece visto solamente quando ormai era esposto al rischio di collassamento, nella speranza che la situazione economica della Fondazione possa, anche se non in un futuro prossimo, procedere al completamento del lavoro”. 


L’evento, allietato da un breve concerto eseguito da una rappresentanza dell’orchestra “Amici della Scuola e della Musica”di Lugo diretta dal Prof. Giovanni Garavini, attraverso la partecipazione viva ed affettuosa di tante persone che conservanoalcuni dei ricordi più felici della propria vita, legati proprio a questo luogo, ha permesso di riannodare il filo di una storia che si era interrotta ma che potrà ricominciare, anche grazie all’auspicio del Parroco di Lavezzola, Don PietroZorza, di poter presto tornare qui ad officiare qualche messa, ed all’impegnoche la Fondazione, come ha concluso il suo Presidente, “profonderà per favorire il reinnesto di questo piccolo pezzo di storia nella comunità di Villa Pianta”.


Ultime Notizie

Rubriche