I ferraresi

Riceviamo la Paolo Parmiani e pubblichiamo

Indubbiamente mi fa estremo piacere sentirmi “citato” da te, specie in relazione alle mie “piccole cose” di teatro ed altro, come del resto ti ringrazio per i complimenti che sempre mi rivolgi.



Tuttavia credo che, in riferimento al tuo ultimo intervento su Pavaglionelugonet, che mi vede persino raffigurato in una – devo ammettere – bella immagine di scena, sia doveroso o forse necessario chiarire meglio l’ intenzione del pezzo stesso, al fine di evitare antipatici e “pericolosi” (specie in questi tempi) fraintendimenti. 


Probabilmente anche a causa dell’ evidente refuso nella parte finale – che certamente contribuisce a favorire la confusione – il senso di quanto scritto risulta, a dir poco, troppo approssimativamente espresso. 


Non si può infatti dare per scontato, quando si riporta una citazione, che il lettore sia a conoscenza della sua corretta origine nonché della contestualizzazione della stessa. 


Voglio dire: una cosa sono il Pensiero e la Parola di un Autore, ma cosa ben diversa sono il Pensiero e la Parola di un Personaggio creato dalla fantasia di quell’ Autore. 


Leggendo l’ articolo invece sembra, purtroppo, che le considerazioni espresse a proposito dei “ferraresi” (che stimo profondamente alla pari di ogni altri, e per di più la mia famiglia è originaria di quelle parti!) appartengano al sottoscritto, quando invece vengono pronunciate esclusivamente da un suo – e per di più discutibile – personaggio. 


Il monologo cui fai riferimento nel tuo pezzo ha per titolo “L’ individvalista”, e vede protagonista un uomo come tanti (purtroppo) , forse né intellettuale né di sinistra, il quale non è altro che la rappresentazione, ironica ed amara, del più gretto pietismo prima, del più basso qualunquismo poi. 


I ferraresi infine si trovano inseriti nel monologo in contrapposizione ai romagnoli secondo il campanilistico luogo comune che li vede da sempre “insopportabili” gli uni agli altri.


E naturalmente tutto ciò vuol essere metafora di ben diversi, e più gravi, pensieri ……Solo questo volevo precisare. 


Paolo Parmiani
                                                                                         

Ultime Notizie

Rubriche