La poesia del martedì

LA PARTIDA

Uiè di tabachèt incù chi zuga ae palou
drì dala cisa, bravend coutra ai poc bou,
i corr, i chesca, i suda, is impegna in se seri,
uiè e fesc d’inezi coma int’al partid veri.
La furmaziou l’è mesta, e cartlei ross e zal,
e culor dla peal ugni etra cun e paseag e e fal,
us zuga nec seza inno di Mameli, seza bangiarein,
e purtir e tusess, un gnè né e poblic né al panchein.
Ai guerd, ai scult, ou uns capess, ou e ziga in dialet,
l’è un rumagnol spudè, pu uiè un cinisei  ciciott,
cletar l’è un maruchei, ou l’è negar coma la nott.
Mo dop che par tera o intla paciara isè aravacè
fat lavor,
i gueita tot fradel, tot pracis d’avdè,
ognou l’è scurghè, tot cioss, murlunè a la fei,
parò ià capì cus zuga, us lọta e us veiz tot insei.
Ungnin frega gnit d savè d’ indò ch’ iè arivè .
Quel che couta adeas par lỏ l’è sol infilèa la rè.
I gol in guerda miga la chearta d’identitèa,
e un gn’ intereasa  la
religiou e la nazionalitèa:
stà d’avdè che pral raz la vera integraziou
l’è fra do rè mez sfati e quatar chelz a un palou!
Adeas ià
finì, is infila vers a cà, iè turnè tot amig,
e me  aiò imparèa piò
da lỏ che da la Cempion Lig

Lucia Baldini

 

LA PARTITA

Oggi ci sono dei ragazzini che giocano a pallone nel campetto dietro la chiesa, imprecando contro i meno validi, corrono, cadono, sudano,si impegnano sul serio, c’è il fischio d’inizio come nelle vere partite. La formazione è mista, il cartellino rosso e giallo; il colore della pelle non c’entra con il passaggio e il fallo, si gioca anche senza Inno di Mameli, senza bandierine, il portiere ha la tosse, non c’è né pubblico né panchine. Li guardo, li ascolto, non si capisce ciò che uno di loro dice, uno urla in dialetto, è un romagnolo puro, poi c’è un cinesino cicciottello, l’altro è marocchino, uno è nero come la notte. Però dopo che si sono rotolati per terra o nel fango, che strano, diventano tutti fratelli, uguali da vedere, ognuno è scorticato, decisamente sporco, con lividi, alla fine, però hanno capito che si gioca, si lotta e si vince insieme. Non importa sapere la loro provenienza, quello che conta per loro ora è solo segnare. I goal non guardano la carta d’identità, non tengono conto di religione e di nazionalità: stai a vedere che la vera integrazione fra le razze è situata fra due reti malridotte e quattro calci a un pallone!Ora hanno finito, vanno verso casa, sono tornati tutti amici e io ho appreso più da loro che dalla Champion League.

Ultime Notizie

Rubriche