Le Domeniche delle sagre di novembre

All'”estero” ma ci piace



APRE AL PUBBLICO IL TEATRO PEDRINI DI BRISIGHELLA



Lieti di comunicarvi che tra le foto vincitrici dell’edizione 2016 di Wiki Loves Monuments, la foto su Brisighella si è classificata 8^a a livello nazionale (per scaricare le prime 10 classificate 2016http://wikilovesmonuments.wikimedia.it/i-vincitori-del-2016/ ), dalle 10.00 alle 17.00 Domenica 13, Domenica 20 e Domenica 29 sarà possibile visitare una meraviglia ancora purtroppo nascosta del borgo mediovale: il TEATRO “MARIA PEDRINI” DI BRISIGHELLA, un gioiello neoclassico, teatro ottocentesco, unico esempio esistente ad oggi in Europa di teatro collocato al secondo piano di un palazzo municipale.

La sua storia comincia nel 1829 quando venne approvato il progetto. Inaugurato nel settembre 1832 ospitò molte compagnie ed uno dei momenti più importanti fu quando la soprano Maria Pedrini tenne nel 1941 un concerto memorabile. Nel 1984 il teatro fu intitolato proprio a lei.

Dal 2007 il Teatro è inagibile. Se pur non è stato finanziato il suo recupero e la sua ri-funzionalizzazione in Teatro del Gusto nell’Asse 5 del POR FESR Emilia-Romagna, noivorremmo a tutti i costi recuperarlo cercando nuovi fondi OPPURE grazie all’ Art-bonus, il recente provvedimento voluto dal Governo per agevolare il contributo dei privati (persona fisica o impresa) a sostegno della cultura riconoscendogli sulla donazione o sull’ investimento un credito di imposta pari al 65% in tre anni.

Così è nata la collaborazione fra l’Amministrazione Comunale, l’Associazione “Il Lavoro dei Contadini e Mirco Villa, fotografo Qep (Qualified european photographer) nella categoria Landscape, giornalista e autore del libro “Il bello di mettere i piedi sotto la tavola in Romagna”.

Insieme abbiamo condiviso che è fondamentale continuare a credere nell’idea e quali migliori domeniche se non quelle delle 4 SAGRE X 3 COLLI per sensibilizzare le persone e le istituzioni su questo progetto. Domenica 13, 20 e 27 dalle 10 alle 17 nel Teatro Pedrini verrà allestita un messa in scena dinamica “Il bello di mettere i piedi sotto la tavola in Romagna” (dal titolo del libro e della Mostra del fotografao Mirco Villa) che ci porterà nel mondo della fotografia, del saper fare artigianale e nel microcosmo della cucina tradizionale romagnola.

Un’idea di spazio innovativo non compreso forse perchè al momento non esiste: un teatro storico, nel cuore di uno dei borghi più belli d’italia incastonato nel Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, che propone sul proprio palco le specialità del territorio per sancire l’inscindibile connubio tra “cultura” e “coltura”. Il progetto individua il Teatro Pedrini come luogo d’eccellenza dove scoprire e raccontare i luoghi ed i prodotti della nostra terra: con la volontà, partendo dalla storia e dalla nostra tradizione enogastronomica, di trasformarla in poesia creatrice di futuro.

La mostra fotografica, con immagini e ricette, mette in risalto una cucina che vuole riscoprire i piatti locali storici, in alcuni casi inevitabilmente ritoccati col trascorrere del tempo, e la forte connessione con il territorio è sottolineata dalle immagini dei luoghi più suggestivi.

Il libro che verrà presentato ripropone una personale interpretazione di uno dei piatti più tradizionali grazie alla sapienza e genialità dello Chef Igles Corelli.

Alcuni artigiani dell’Associazione del lavoro dei contadini metteranno in scena le nostre tradizioni artigiane.

Un chiaro esempio di come l’innovazione non significa cancellare il passato, ma conoscerlo e tramandarlo con creatività e passione. Così come l’idea del Teatro del Gusto che si fonda su due principi cardine:

il teatro quale luogo identitario e depositario di cultura ed il cibo quale elemento culturale primario.

il teatro quale luogo dove possono nascere nuove visioni del futuro, crocevia e punto di incontro fra autenticità dei prodotti e creatività degli chef e al prezioso lavoro di ricerca e di critica di intellettuali, giornalisti, produttori e gourmet.

Sabato 12 novembre in Biblioteca a Brisighella
Graziano Pozzetto presenta i suoi libri su Memoria e saggezza dell’arte culinaria della Romagna

Sempre seguendo questo filone caro a Brisighella, Sabato 12 Novembre , alle ore 17, la Biblioteca Comunale “Carlo Pasini”, in Viale Pascoli,1, ospiterà il giornalista, scrittore, divulgatore appassionato e attivo, Graziano Pozzetto.

Graziano Pozzetto è la memoria, la saggezza dei contadini della Romagna. È stato fra i fondatori storici del movimento Slow Food ed è protagonista di un’enciclopedica codificazione culturale dei prodotti tipici romagnoli.
Con le sue pubblicazioni ha riscoperto le tradizioni di ieri in una enciclopedica raccolta di mangiari, cibi, vini tipici, eccellenze, usanze e memorie dell’identità romagnola.

Una grande anteprima alla sagra della Pera Volpina e del Formaggio Stagionato di Domenica 13 Novembre, sagra che ha contribuito nel corso degli anni alla riscoperta delle proprietà di questo frutto dimenticato, offrendo la possibilità di riassaporarlo. In piazza Carducci si potrà ammirare come vengono utilizzati questi frutti.


Le pere vengono consumate bollite, cotte in acqua o vino, oppure al forno. La ricetta tipica della Romagna vuole che le pere volpine vengano cotte in un buon vino rosso, meglio se Sangiovese, aromatizzato con chiodi di garofano e cannella. La cottura in forno ammorbidisce il frutto e il vino si trasforma in un delizioso sciroppo nel quale inzuppare la polpa dolce e fibrosa. Per tutto il centro storico si potranno gustare e comprare i prodotti autunnali della collina faentina direttamente dai tanti produttori locali.

http://www.brisighellaospitale.it/2016/11/memoria-e-saggezza-dellarte-culinaria-della-romagna/

VEDI ANCHE
Slow Food Faenza e Brisighella, Il frutteto della memoria – Domenico Ghetti https://www.youtube.com/watch?v=ziUq-xyd6GM

Ultime Notizie

Rubriche