mercoledì 28 febbraio 2018

Rimuovere il blocco della circolazione dei mezzi pesanti

Sì alla pulizie delle strade

Il Comitato Unitario dell’Autotrasporto della provincia di Ravenna chiede il ritiro del blocco della circolazione dei veicoli adibiti al trasporto merci.
Il divieto alla circolazione dei mezzi superiori alle 7.5 ton, infatti, è la dimostrazione che ancora una volta si attua un divieto di circolazione dei mezzi pesanti senza oggettive necessità e tenendo poco in considerazione le incalcolabili conseguenze economiche per il sistema produttivo.

Mai si è assistito al divieto di circolazione sulle strade locali senza “vere nevicate”.

Ora dopo le Autostrade si chiude tutto con estrema semplicità senza rendersi conto delle difficoltà che vengono causate a quanti lavorano per servire l’economia pur essendo dotati di autoveicoli efficienti e muniti dei dispositivi invernali previsti dalla legge (gomme termiche, catene ecc..).

Il Comitato Unitario dell’Autotrasporto della provincia di Ravenna condivide la posizione di Autostrade per l'Italia che raccomanda di programmare le partenze ben informati, evitando ove possibile il viaggio sulle tratte interessati dalle nevicate più intense, a verificare la disponibilità a bordo e la piena funzionalità delle dotazioni invernali, e considerando comunque tempi di percorrenza superiori alla norma, per l'azione dei mezzi antineve (che operano a 40 km/h) di cui auspichiamo interventi numerosi, puntuali e proporzionali alle precipitazioni nevose.

Il Comitato Unitario dell’Autotrasporto della provincia di Ravenna chiede l’immediata revoca delle ordinanze di blocco della circolazione e, contestualmente, il massimo impegno affinché la rete stradale e autostradale sia mantenuta efficiente tramite i mezzi predisposti.

Un Paese moderno affronta le condizioni meteo che prevedono anche normali nevicate, senza bloccare il traffico che penalizza il sistema produttivo.

Non è accettabile penalizzare le imprese sulla base di semplici previsioni meteo che non sono riscontrabili nella realtà.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento