sabato 3 febbraio 2018

The black blues brothers fa tappa a Cotignola

Unica data in Emilia Romagna



Domani, Domenica 4 febbraio, doppia replica ore 17.30 e ore 21.00



Barcellona, Bratislava, Colonia, Hannover, Monte Carlo, Parigi sono solo alcune delle tante città che hanno già applaudito le loro performance. I Black Blues Brothers eccezionalmente faranno tappa al Teatro Binario di Cotignola, come unica data in Emilia Romagna, domani, Domenica 4 febbraio alle 17.30 come da cartellone e, in replica straordinaria, alle 21.00. 

Uno show acrobatico comico musicale, uno spettacolo adatto ad un pubblico estremamente variegato, che ha conquistato teatri e festival di tutta Europa grazie alla sua carica di energia. Tra circo contemporaneo e commedia musicale, la produzione nasce dalla fantasia di Alexander Sunny, già realizzatore di spettacoli di successo e curatore di speciali TV sul Cirque du Soleil.

Cinque scatenati acrobati/ballerini uniscono la fisicità e la plasticità dei movimenti che richiamano le loro origini africane al sound inimitabile del Rhythm & Blues, in abiti american style.

Lo spettacolo, ambientato in un elegante locale in stile Cotton Club, si rivela emozionante e divertente: tutto ciò che è presente in scena è espediente per dare spettacolo e improvvisare nuove performance acrobatiche. Sedie, tavoli, persino specchi, diventano strumenti di gioco per i Black Blues Brothers, capaci di acrobazie sempre al limite del teatro fisico. Con i loro ritmi scatenati, sulle note della colonna sonora del leggendario film, coinvolgono gli spettatori contagiando ed esondando in platea con la loro energia.

I Black Blues Brothers provengono da Sarakasi, un trust di circo sociale con sede a Nairobi in Kenya, fondato dall'alto funzionario ONU Rudy van Dijck e da sua moglie per favorire lo sviluppo delle arti dal vivo nel continente africano e per aiutare i giovani che vivono in condizioni di disagio. La loro energia scaturisce dall'opportunità di riscatto fornita da Sarakasi.

Migliaia di spettatori in oltre 100 città in tutta Europa fra prestigiosi palcoscenici, kermesse internazionali tra cui il Festival Sziget di Budapest, il MAC di Barcellona, il Kleines Fest di Hannover, casinò internazionali e grandi eventi, tra l’altro ospiti del Principe Alberto per la cena di gala dei Rolex Master di Tennis allo Sporting Club di Monte-Carlo. Il successo riscosso ovunque è valso agli acrobati l'invito alla trasmissione francese “Le plus grand cabaret du monde”, considerata il top per queste forme artistiche, dove sono stati salutati con una standing ovation.

I Black Blues Brothers sono stati poi invitati ad esibirsi per Papa Francesco durante il Giubileo dello Spettacolo Popolare, un riconoscimento alla loro bravura oltre che all'attività di solidarietà che svolgono da anni nell’Africa centrale.

Ingresso unico 20 euro.
Per informazioni e prenotazioni: 373 5324106 oppure info@cambiobinario.it

Chi sono i Black Blues Brothers
KEVIN È il più vanitoso. Nessuno può rubargli la scena e quando compie le sue acrobazie mostra tutto il suo talento. Esibizionista, ma così bravo da esser perdonato. Ama il lavoro di gruppo, soprattutto se può fare il capo!
MICHAEL La “peste” della compagnia. Dispettoso, si diverte a fare scherzi ai compagni e gioca sempre. Per fortuna è anche il più agile: i suoi salti perfetti gli permettono di scappare quando la situazione si fa pericolosa!

NORRIS È tanto severo quanto disponibile. Riprende gli altri acrobati esigendo la perfezione, ma quando si tratta di sostenerli, moralmente e fisicamente, sollevandoli da terra con tutte le sue forze, non si tira indietro. Una sicurezza.
DENNIS La flemma fatta persona.  Anche in mezzo alla tempesta, rimane calmo e prosegue coi suoi incredibili esercizi. Il duro lavoro e la pazienza sono premiati: non c'è artista più preciso di lui.

SYLVESTER L'acrobata col sorriso. Gentile con tutti, affronta gli sforzi fisici con una serenità contagiosa, rendendo le performance del gruppo un divertimento inesauribile, una festa per i suoi brothers e per il pubblico.
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento