lunedì 14 maggio 2018

Bagnari: «Le politiche europee non sono un optional"


Non sarebbe stato meglio dire sì a governare?

«Nell’ottica della migliore attuazione e partecipazione alla formazione delle politiche europee, la Regione Emilia-Romagna si è dotata da tempo dello strumento della sessione europea – ricorda Bagnari –.


Il rafforzamento dell’identità europea e la legittimazione dell’UE sono questioni di primaria importanza per il futuro dell’Europa, per il nostro Paese e per l’Emilia-Romagna e la loro concreta attuazione passa anche attraverso un corretto, lineare ed efficace processo legislativo, in grado di coinvolgere i territori e le Regioni in particolare. Per questo è importante la nuova norma regionale approvata oggi, che modifica in svariati passaggi quella “Legge europea dell’Emilia-Romagna” che è a tutti gli effetti la Legge 28/7/2008 n. 16.”

Nell’ordine del giorno elaborato e presentato insieme ai colleghi della maggioranza abbiamo voluto sollecitare a continuare il lavoro che l’Emilia-Romagna sta facendo per migliorare la “resa dell’Europa” sia dal punto di vista legislativo sia dal punto di vista delle scelte politiche per esempio sul bilancio e sulle politiche di coesione per aumentare il ruolo delle Regioni all’interno dei processi decisionali europei».

La Legge appena approvata ha una duplice funzione: da una parte riafferma con forza i meccanismi di cittadinanza europea, dall’altra mira a garantire il più efficace processo decisionale da parte della Regione nei confronti delle strutture europee.

« Credo che attraverso strumenti legislativi come questo si vada nella giusta direzione e si permetta anche una maggiore partecipazione nella definizione delle priorità strategiche delle politiche europee, facendo in modo di avvicinare sempre di più i cittadini alle istituzioni e di aumentare il senso di appartenenza e d’identificazione con la comunità europea – conclude Bagnari – l’orizzonte dell’Europa è una scelta finalizzata a migliorarla a vantaggio delle persone. Non si può invocare l’Europa ad intermittenza, una volta delegittimandola, una volta chiamandola per risolvere tutti i problemi. Non si costruisce un futuro migliore con le Brexit. Serve l’impegno di tutti all’interno delle istituzioni a vantaggio dei territori, dei cittadini e delle imprese».



Ufficio Stampa Gruppo Partito Democratico – Assemblea Legislativa Emilia-Romagna
www.gruppopdemiliaromagna.it
facebook.com/gruppopdemiliaromagna
twitter.com/gruppopder

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento