venerdì 4 maggio 2018

Baracca game

Successo di un videogame lughese a Cesena
di Lucia Baldini


Un gruppo di alunni della classe 3B della secondaria di I° Baracca ha riportato un meritato successo a Cesena, dopo essere stato selezionato per la finale, nell'ambito delle Olimpiadi del Problem Solving -sezione Coding.




I ragazzi, Costa Jacopo, Donati Rocco, Foschini Andrea, Graziani Alberto, e, riserve, Cascio Ilenia e Zannoni Francesco, hanno elaborato un video game, We show you Francesco Baracca game, col noto software Scratch, ispirandosi alle gesta del nostro asso immortale.

L'attenzione della classe si era soffermata su altri quattro personaggi famosi lughesi, e cioè Gregorio Ricci Curbastro, il famoso matematico, Ernestina Stoppa, la fondatrice della Società di Mutuo Soccorso Femminile di Lugo, il futurista compositore e musicista Balilla Pratella e il grande compositore, condiviso con Pesaro, Gioacchino Rossini.

In parallelo col gruppo di studenti appena citato, altri alunni, Cascio Ilenia, Cristoferi Nicolò, Muccinelli Bianca, Ricci Marco e Zannoni Francesco, lavoravano ad uno story-telling sui cinque personaggi sempre col software scratch. Purtroppo il tempo a disposizione era limitato così tutte le energie sono state convogliate su Baracca, e in particolare sulla sua bellissima frase letta nelle biografie del Museo Baracca, scritta al padre, durante il periodo francese: "...era un meraviglioso sogno ad occhi aperti, vedermi scorrere di sotto gli alberi, le strade, la campagna..."
La docente che li ha seguiti e motivati, prof. Giovanna Foschini, riconosce che gli studenti hanno lavorato con passione, armonia e tenacia, mossi dalla curiosità di apprendere e di mettersi in gioco.

Veramente tanto l'impegno nelle ore di informatica e a casa, premiato dalla giuria e sostenuto da tutto il Consiglio di Classe che ha evidenziato ancora una volta l'interdisciplinarietà didattica e il suo valore.

Ora, grazie a questa insegnante e al coinvolgimento che ha saputo operare aderendo al concorso,la nostra medaglia d'oro al valor militare nella prima guerra mondiale ha qualcosa in più delle sue 34 vittorie aeree, un riconoscimento speciale che prolunga nel tempo la sua figura, la sua grandezza, il suo coraggio, con modalità giovani, tecnologiche, accattivanti.

Lucia Baldini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento