lunedì 21 maggio 2018

Il caffè dei genitori arriva a Conselice

Appuntamento al parco di via Kennedy per parlare di dipendenze

Domani, martedì 22 maggio alle 2.30 a Conselice, presso il bar del parco di via Kennedy, ci sarà la seconda tappa con il “Caffè dei genitori”, per parlare di abitudini e dipendenze anche in relazione al web.
Il progetto, attivo sul territorio della Bassa Romagna, si articola in incontri diversificati per temi e bisogni con l'obiettivo di offrire uno spazio e un tempo per riflettere sull'essere genitori in una società mutevole.

Saranno presenti Chiara Lunardi, psicologa psicoterapeuta del Servizio dipendenze patologiche di Lugo, operatori del Centro per le famiglie e dell'Area Welfare dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna e genitori dei gruppi di auto mutuo aiuto genitori in adolescenza.

Chiude il ciclo l’appuntamento dedicato alla ludopatia e ai giochi online, che si svolgerà martedì 12 giugno sempre alle 20.30 presso la piscina intercomunale di Rossetta, in via Traversa 7.

La novità di questa edizione è che alle serate pubbliche, organizzate grazie alla collaborazione dei gestori dei locali del territorio, si affiancheranno dei laboratori che prenderanno spunto dalle discussioni del Caffè per approfondire i temi proposti e allargare il confronto tra i partecipanti. I laboratori di approfondimento (per i quali è obbligatoria la prenotazione presso il Centro per le famiglie) saranno organizzati nella sede del centro civico di via Di giù 8 a Lugo, alle 20.30 il 29 maggio e 19 giugno.

Il progetto “Con i genitori” nasce e si sviluppa attraverso una forte collaborazione tra numerose realtà: collaborano infatti il Centro per le famiglie dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, gli Assessorati alle Politiche familiari, il Coordinamento pedagogico, i servizi sociali, l’Ausl della Romagna - Distretto di Lugo (Consultorio giovani, ospedale, pediatria di comunità e pediatri di libera scelta, SerT), le biblioteche, le associazioni di volontariato del territorio.

Il “Caffè dei genitori” è il frutto di un laboratorio partecipativo avviato con la Comunità nel 2014 e vuole offrire un’opportunità per riflettere sul proprio stile educativo genitoriale anche in rapporto ai mutamenti sociali della nostra contemporaneità; in particolare, saranno affrontati i comportamenti a rischio nell’adolescenza.

L'iniziativa si inserisce, inoltre, all'interno del Piano locale di contrasto al gioco patologico approvato in Comitato di distretto il 22 marzo 2018.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento