lunedì 21 maggio 2018

Il comandante interregionale della GDF al museo Baracca

Riceviamo e pubblichiamo


Il Generale di Corpo d’Armata Edoardo Valente, comandante interregionale dell’Italia centro-settentrionale e centrale della Guardia di finanza, con competenza sulle regioni Emilia-Romagna, Marche, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo e Sardegna, si è recato in visita al museo “Francesco Baracca” di Lugo. 


Il Generale, accompagnato dal Comandante regionale Emilia-Romagna, Generale di Divisione Giuseppe Gerli, e dal Comandante provinciale, Colonnello Andrea Fiducia, era in città per una visita ufficiale alla Tenenza della Guardia di finanza di Lugo, dove è stato accolto dal comandante del reparto, Tenente Valentina Arrigo.

Nella visita al museo “Baracca” il Generale Valente è stato accompagnato dal sindaco di Lugo Davide Ranalli e dal presidente dell’Unuci Renzo Preda.

“Siamo orgogliosi di poter mostrare il nostro museo, rinnovato lo scorso anno, ad un ufficiale di così alto rango - ha dichiarato il sindaco Davide Ranalli -. È infatti la prima volta che un comandante interregionale delle Fiamme gialle si reca in visita al nostro museo. Il centenario della morte di Francesco Baracca sta vedendo realizzate numerosissime iniziative, su più livelli, a dimostrazione di quanto questa città sia legata al proprio eroe, e quanto l’Italia intera sia riconoscente alla figura di Baracca”.

Il Generale Edoardo Valente è nato a Napoli nel 1959 ed è entrato in Accademia nel 1978. Sposato con due figli, promosso Generale di Corpo d’Armata nel giugno del 2015, è plurilaureato e autore di pubblicazioni e numerosi articoli in campo tributario e in tema di trattamento economico e legislazione del personale.

Molteplici gli incarichi che ha ricoperto nella sua carriera: nei gradi di Generale è stato per circa tre anni Comandante Provinciale di Firenze, per poi assumere i delicatissimi incarichi di Sottocapo e di Capo di Stato Maggiore del Comando Generale.

Il Generale Valente ha origini lughesi ereditate dalla nonna materna.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento