martedì 22 maggio 2018

La poesia del martedì

Dnenȥ da te

A t gvérd, mot,
dèntar a e’ silènȥi
ad du mond luntȇ
che trop tërd avèn ’vsinȇ.
Al rugh al ş şfà
öna dop a cl’ètra,
la tu bóca la rid
lèbra ’d şcorar o ’d şté ȥèta.
Un’eşa ’d lègn
l’a t dividarà
da l’abraȥ dal radìs
e da e’ prufóm ’d la tëra,
l’a t laşarà durmì,
şènȥa şogn,
şènȥa ’rmur,
şènȥa e’ movar d’un rişpir.
T şaré da par tè
in che scur sènȥa not
e me armastarò a què
sèmpar pio’ da par mè.

Roberto Pontoni

Davanti a te.

Ti guardo, muto, / immerso nel silenzio / di due mondi lontani / che troppo tardi
abbiamo accostato.

Le rughe si sciolgono / una dopo l’altra, /la tua bocca sorride / libera di parlare o di
tacere.

Un’asse di legno / ti dividerà /dall’abbraccio delle radici / e dal profumo della terra, / ti lascerà dormire, / senza sogni, / senza rumori, / senza il muovere di
un respiro.

Sarai solo / in quell’oscurità senza notti /ed io rimarrò qui / sempre più solo.


Roberto Pontoni
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento