lunedì 14 maggio 2018

La poesia di domani...

Gnit d nôv

J à det che i nostr’ amig de Parlamẽnt,
sicöm ch’u j è tènt suld ch’i n sa cum spèndi,
tot cvènt d’ acôrd i s’è carsù e’ stipèndi;
s’ u n gn’ éra di cuntréri, i s’è cunvẽnt!
Nẽnc cvi di sindachét i n’ è di sẽnt
e i s’è carsù al pinsiõn; u n’è pr’ufèndi,
mo cvãnd ch’a sẽnt stal röb, e pu pinsèndi,
e’ piò dal vôlt u m scapa un azidẽnt.
A n crid ch’u j’ interèsa, ló i s n’infréga,
e nõ ch’a s lamintẽn!; s’a j pẽns, parò,
la n’è una nuvitê tota sta béga:
e’ dgéva mi nunẽn, e me a v dirò,
che tot i dè, prèma d’arvì butéga,
u s sa, e’ barbir u s fa la bêrba lò.
Franco d Sabadẽn

Franco Ponseggi
Niente di nuovo

Hanno detto che i nostri amici del Parlamento,
siccome ci sono tanti soldi che non sanno come spenderli,
tutti quanti d’accordo si sono aumentati lo stipendio;
se ce n’erano dei contrari, si sono convinti.
Anche quelli dei sindacati non sono dei santi
e si sono aumentate le pensioni; non è per offenderli,
ma quando sento queste cose, e poi pensandoci,
il più delle volte mi scappa un accidente.
Non credo che questo li interessi, loro se ne fregano,
e noi che ci lamentiamo!; se ci penso, però,
non è una novità tutta questa bega,
diceva mio nonno, e io vi dirò,
che tutti i giorni, prima di aprire bottega,
si sa, il barbiere si fa la barba prima lui.

Franco Ponseggi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento