sabato 5 maggio 2018

La storia siamo noi

Alla scoperta del patrimonio di Lugo e di Bagnacavallo


Torna, dopo l’esperienza pilota a Lugo del 2017, la rassegna di eventi “La storia siamo noi”, coinvolgendo quest’anno sei località: Lugo e Bagnacavallo in maggio, Massa Lombarda, Fusignano, Bagnara di Romagna e Sant’Agata sul Santerno tra settembre e novembre.
L’obiettivo è quello di fare conoscere il patrimonio storico e artistico del territorio attraverso momenti diversificati: piccole conferenze (con interventi musicali), open day di luoghi solitamente non aperti al pubblico, visite guidate, relazioni itineranti e per finire concerti di qualità (Oratorio di Croce Coperta a Lugo e Pieve di San Pietro in Sylvis a Bagnacavallo).

Si comincia a Lugo oggi, sabato 5 maggio: dalle 15.30 alle 19 al chiostro del Carmine ci sarà un open day al deposito archeologico di Lugo e sede del “Comitato per lo studio e la tutela dei beni storici del Comune di Lugo”, con illustrazione dei ritrovamenti archeologici, modalità di ricostruzione e restauro; è consigliata la prenotazione via email a giannigambi@racine.ra.it (visite ogni 30 minuti per sei persone al massimo).

Alle 17 nell’aula magna del Carmine ci sarà la conferenza “Il lughese nel Medioevo. Pievi, castelli e villaggi tra foreste e valli”, a cura di Marco Cavalazzi, Michela De Felicibus e Celeste Fiorotto, con interventi musicali di Antonio Cortesi al violoncello (musiche di Adrien-Francois Servais e di Johann Sebastian Bach).

Al Carmine continua inoltre la visione della mostra “Fornaci e fornaciai. L’attività laterizia a Lugo dall’antichità al XX secolo”.

Domenica 6 maggio sempre a lugo dalle 10.30 alle 11.30 ritrovo davanti alla Rocca per una visita ai locali sul tema “Analisi del monumento (archeologia dell’architettura)”, a cura di Angelo Alberti (Università di Bologna); dalle 11.30 alle 12.30 nuova visita a cura di Antonio Curzi, ex archivista del Comune di Lugo, sul tema “La Rocca di Lugo. La storia del monumento”.

Dalle 15.30 alle 17.30 alla chiesa di Croce Coperta (via Provinciale Cotignola) visita con illustrazione storica e artistica a cura di Mario Frontali; alle 18 “Musica a Croce Coperta” con l’ensemble Mosaici Sonori (Matteo Penazzi al violino, Luigi Lidonnici all’oboe, Franco Ugolini al clavicembalo), che eseguirà musiche di Georg Friedrich Händel e Georg Philipp Telemann.

Venerdì 11 maggio prima tappa a Bagnacavallo: alle 20.30 nella sala didattica del centro culturale “Le Cappuccine” ci sarà la conferenza “Il paesaggio Bagnacavallese nel Medioevo, tra storia e archeologia”, con Marco Cavalazzi, Michela De Felicibus, Angelo Alberti e Federica Boschi; interventi musicali di Antonio Cortesi al violoncello, con musiche di Adrien-Francois Servais e di Johann Sebastian Bach.

Domenica 13 maggio alle 10.30 relazione itinerante di Angelo Alberti dal titolo “Centri storici come libri aperti. Archeologia dell’architettura a Bagnacavallo”, con tappa alla torre di palazzo Vecchio, al convento di San Francesco e alla pieve di San Pietro in Sylvis (ritrovo presso la torre di palazzo Vecchio).

Dalle 15.30 alle 17.30 nella pieve di San Pietro in Sylvis visita con illustrazione storica e artistica a cura della Pro loco di Bagnacavallo e successivamente “Musica in pieve”: il Trio Kreutzer (Caterina Sangiorgi al flauto, Nicoletta Bassetti al violino e Davide Fabbri alla chitarra) eseguirà musiche di Gioacchino Rossini e di Rodolphe Kreutzer.

La rassegna riprenderà nelle domeniche di autunno: il 23 settembre a Massa Lombarda, il 30 settembre a Fusignano e il 14 ottobre (data provvisoria) a Bagnara di Romagna.

L’edizione 2018 avrà termine a metà novembre, con un concerto al teatro Rossini di Lugo del contrabbassista Giuseppe Ettorre (Scala di Milano) e della pianista Rosanna Carnevale; una serata che intende rendere omaggio al liutaio Custode Marcucci e al compositore Giuseppe Maria Marangoni.

L’organizzazione è a cura dell’associazione “Storia e memoria della Bassa Romagna” e dell’Università di Bologna (dipartimento di Storia Culture Civiltà), in collaborazione con il Comitato per lo studio e la tutela dei beni storici del Comune di Lugo, il Centro di studi sulla Romandiola nord occidentale, le biblioteche comunali “Fabrizio Trisi” di Lugo e “Giuseppe Taroni” di Bagnacavallo, le Pro loco di Lugo e Bagnacavallo, il Fai - Gruppo di Lugo, l’archivio comunale di Bagnacavallo. Gli eventi sono patrocinati dai sei comuni coinvolti, dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, dalla Provincia di Ravenna e dalla Regione Emilia-Romagna.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento