sabato 30 giugno 2018

La stagione della prosa al Rossini

23-24-25° novembre 2018


GITIESSE – Artisti Riuniti
FILUMENA MARTURANO
di Eduardo De Filippo




con Mariangela D’Abbraccio, Geppy Gleijeses
Scene e costumi di Raimonda Gaetani
Regia di Liliana Cavani

Spettacolo serale ore 20.30

° Doppia rappresentazione ore 16.00 e 20.30

Filumena Marturano è il testo di Eduardo più rappresentato all’estero, ispirato da un fatto di cronaca dal quale Eduardo ha costruito una delle più belle commedie dedicata alla sorella Titina. È la storia di Filumena Marturano e Domenico Soriano: lei è caparbia, accorta, ostinata contro tutto e tutti nel perseguire la propria visione del mondo, con un passato di lotte e tristezze, decisa a difendere fino in fondo la vita e il destino dei suoi figli: è la nostra “Madre Coraggio”. Lui borghese, figlio di u ricco pasticciere, “campatore”, amante e proprietario di cavalli da corsa, un po’ fiaccato dagli anni che passano e dalla malinconia dei ricordi, è stretto in una morsa dalla donna che ora lo tiene in pugno e a cui si ribella con tutte le sue forze. Ma è soprattutto la storia di un grande amore.

La commedia porta al pubblico il tema, scottante in quegli anni, dei diritti dei figli illegittimi. Il 23 aprile 1947, infatti, l’Assemblea Costituente approvò l’articolo che stabiliva il diritto-dovere dei genitori di mantenere, istruire ed educare anche i figli nati fuori dal matrimonio, mentre otto anni più tardi, nel febbraio del 1995, venne approvata la legge che abolì l’uso dell’espressione “figlio di N.N.”. Nel ruolo di Filumena e Domenico due grandi protagonisti della scena italiana: Mariangela D’Abbraccio che ha iniziato la sua carriera diretta da Eduardo nella Compagnia di Luca De Filippo e Geppy Gleijeses, allievo prediletto di Eduardo che per lui nel ’75 revocò il veto alle sue opere.

A dirigere la commedia la più grande regista di cinema al mondo, italiana e donna, Liliana Cavani, che con questo allestimento debutta nella Prosa.


14-15-16° dicembre 2018

Ginevra Media Production Srl

DIECI PICCOLI INDIANI...E NON RIMASE NESSUNO

di Agatha Christie

con Ivana Monti, Luciano Virgilio, Carlo Simoni

Scene di Alessandro Chiti

Costumi di Adele Bargilli

Regia di Ricard Reguant

Spettacolo serale ore 20.30

° Doppia rappresentazione ore 16.00 e 20.30

Scritto nel 1936 e pubblicato nel 1939, Dieci piccoli indiani è considerato ancora oggi il capolavoro letterario di Agatha Christie, tanto che anche la cinematografia è piena di rimandi all’opera della scrittrice, basti pensare al film di René Clair con un cast d’epoca eccellente, oppure a tutti quei film successivi che adattavano il plot della storia a versioni più moderne. Ma Dieci piccoli indiani resta nella memoria universale una perfetta struttura letteraria capace di tenere il lettore con il fiato sospeso fino all’ultima pagina.

Questa versione del capolavoro di Agatha Christie è quella del regista spagnolo Ricard Reguant, riproposta dopo l’enorme successo registrato sia a Madrid che a Barcelona durante la scorsa stagione. Come scrive Reguant nelle sue note di regia: “Questa nuova versione teatrale si adatta ai tempi e all’estetica del momento facendo godere il pubblico nella ricerca dell’enigma preparato dalla Signora Agatha; questi dieci “piccoli indiani” bloccati nell’isola sono vittime o assassini? Questa è la stessa domanda che la scrittrice pone a se stessa mostrando al pubblico il lato nascosto di personaggi borghesi e aristocratici che nel momento di difficoltà arrivano a sbranarsi per la sopravvivenza. Sembra quasi una vendetta della stessa Christie verso una classe dirigente nella società inglese del suo tempo. Una classe dirigente che vive agiatamente e dalla quale vuole la scrittrice vuole evadere costringendosi quasi a diventare lei stessa la carnefice dei suoi personaggi”.


10-11-12-13* gennaio 2019

GITIESSE - Artisti Riuniti

SORELLE MATERASSI

libero adattamento di Ugo Chiti dal romanzo di Aldo Palazzeschi

con Lucia Poli, Milena Vukotic e con Marilù Prati

Scene di Roberto Crea

Costumi Accademia del Costume e della Moda

Regia di Geppy Gleijeses

Spettacolo serale ore 20.30

* Rappresentazione pomeridiana ore 16.00

Nella campagna fiorentina di inizio ‘900 tre zie nubili vivono accecate da un amore senile per il nipote, viveur e fannullone, che le porterà sul lastrico e finirà per abbandonarle. Dal capolavoro di intelligenza e ironia di Aldo Palazzeschi, una parodia un po’ grottesca del mondo aristocratico fatta anche di nonsense e giochi di parole. L’ adattamento originale è di Ugo Chiti, uno dei più importanti drammaturghi italiani, la regia è di Geppy Gleijeses, in scena tre splendide attrici e beniamine del pubblico come Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati. Le sorelle Teresa e Carolina Materassi sono due ricamatrici cinquantenni che, grazie ad una vita di rinunce, hanno acquisito una posizione di prestigio presso la buona società fiorentina. Con loro vive la sorella minore, Giselda, riaccolta in casa dopo un fallito matrimonio con un nobile dissoluto. L’equilibrio familiare viene sconvolto dall’arrivo di Remo, figlio di una quarta sorella morta ad Ancona: bello, spiritoso e pieno di vita, il giovane approfitta dell’affetto e delle cure delle zie più anziane per soddisfare tutti i suoi capricci, spendendo più di quanto le zie guadagnino. Giselda è l’unica a rendersi conto della situazione, ma i suoi avvertimenti rimangono inascoltati.


14-15-16-17* febbraio 2019

Progetto U.R.T. - Compagnia Jurij Ferrini in collaborazione con la Fondazione del Teatro Stabile di Torino

MISURA PER MISURA

di William Shakespeare

con Jurij Ferrini, Matteo Alì, Rebecca Rossetti

Scene di Carlo De Marino

Costumi di Alessio Rosati

Regia di Jurij Ferrini

Spettacolo serale ore 20.30

*Rappresentazione pomeridiana ore 16.00

Commedia a tinte fosche dal ritmo veloce e compulsivo, con inganni e colpi di scena, Misura per misura ruota su se stessa rivelandosi il contrario di quel che appare: alla celebrazione della morale e della sua pubblica tutela contrappone il vizio e la licenziosità.

Jurij Ferrini torna al grande autore inglese per indagare, ancora una volta, su etica, onestà, governo e sudditanza, mettendo in scena una delle più rigorose metafore teatrali sul potere. Misura per misura è un testo ambiguo, pilotato nell’ombra da un “Duca stravagante dagli angoli oscuri”, dove nessun personaggio è realmente limpido e dove alle dichiarazioni etiche si contrappongono sotterfugi e menzogne: questa è la parabola di un’opera che confonde il giudizio degli spettatori e dove il lieto fine ha il sapore amaro della mistificazione. William Shakespeare ha intessuto molti dei propri capolavori con riflessioni sulla dignità dell’uomo e sulla doppiezza dell’esercizio del potere, ma con questa commedia gioca metateatralmente con i personaggi, e sembra nascondersi sotto i panni del Duca, di chi muove le fila nell’ombra: egli non sarebbe che il poeta di teatro, che manovra, con egoistico divertimento, i propri personaggi come marionette rassegnate a un destino passivo.


29-30-31° marzo 2019

Compagnia Elsinor/Arca Azzurra Teatro

IL VANGELO SECONDO LORENZO

di Leo Muscato e Laura Perini

con Alex Cendron, Giuliana Colzi, Andrea Costagli

Scene di Federico Biancalani

Costumi di Margherita Baldoni

Regia di Leo Muscato

Spettacolo serale ore 20.30

° Doppia rappresentazione ore 16.00 e 20.30

Lo spettacolo ripercorre la storia di don Lorenzo Milani seguendo le due stagioni della sua breve vita (Vita da Cappellano e Vita da Priore), che segnano i confini territoriali ove iniziò, proseguì e concluse il suo apostolato sacerdotale: Cadenzano prima e Barbiana poi. Vangelo secondo Lorenzo traccia le vicende del Priore e di quanti gli furono accanto ripercorrendo le fondamentali tappe di snodo di quella vicenda umana, sociale e spirituale.

… avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l'obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l'unico responsabile di tutto…

Il principio fondante della piccola rivoluzione di Don Milani, l’importanza del possesso della parola è anche il principio ispiratore di questa messa in scena attraverso la quale vengono sviluppate e indagate tematiche utili a migliorare la comprensione dell’odierno valore dell’educazione.

Possedere le parole ha voluto dire avere autonomia intellettuale, libertà dalla schiavitù dell’ignoranza e con questo progetto si vuole dare giusto risalto a questa esperienza così unica collocata in una Toscana appena uscita dalla guerra. La piccola “rivoluzione” di Don Milani forse potrà esserci utile per immaginare un futuro possibile che, in realtà, era stato scritto e pensato più di mezzo secolo fa.


12-13-14° aprile 2019

Centro d’Arte contemporanea Teatro Carcano / Ginevra Media Prduction Srl

VOCI NEL BUIO

di John Pielmeier

con Laura Morante
Scene di David Gallo

Regia di John Pielmeier

Spettacolo serale ore 20.30

° Doppia rappresentazione ore 16.00 e 20.30

In una piccola baita Lil aspetta di passare un weekend lontana da tutto, cercando di rimettere insieme il suo matrimonio in crisi. Lil è una psicologa che conduce in radio la trasmissione del momento: L’ultima occasione, un programma che dà ascolto alla voce di persone disperate alle quali tende una mano. Un programma di successo tale da convincere la più importante rete televisiva d’America a corteggiare Lil per portarla sugli schermi di tutte le case. Ma Lil vorrebbe smettere di essere la protagonista di quello che ormai si è trasformato in uno show degli orrori come nell’ultima trasmissione: in una telefonata in diretta un maniaco con la voce camuffata ha dichiarato che ucciderà una donna se Lil non lo fermerà.

I tre giorni nella baita dovrebbero essere il suo modo per staccarsi da tutto questo. Ma suo marito non arriva, il volo è stato cancellato per la neve. Neve che la blocca definitivamente in quella baita isolata e frequentata da pochissime persone. E quando il telefono squilla, la voce del maniaco trasforma il weekend di Lil in un incubo: una feroce lotta per la sopravvivenza contro un nemico invisibile. Perché l’uomo che vuole ucciderla è lì. E la sua mano potrebbe essere quella di ognuna delle poche persone che ha intorno.

L’elettrizzante e sorprendente thriller di John Pielmeier, per la prima volta in Italia, incontra la straordinaria qualità e il carisma di Laura Morante, per dare vita a uno spettacolo coinvolgente nel quale niente e nessuno sono come sembrano: uno spettacolo e una protagonista che terranno il pubblico col fiato sospeso fino all’ultimo secondo. John Pielmeier è autore di romanzi, opere teatrali, film e serie televisive e per il suo lavoro ha ricevuto numerosi premi e nominations per i Golden Globe e per il Writers Guild Award, ha vinto un Gemini Award, un Romy Award e una nomination agli Emmy per le Migliori miniserie. Nominato agli oscar per la sceneggiatura tratta dalla sua commedia di successo Agnese di Dio, che sul grande schermo venne interpretata da Jane Fonda e Anne Bancroft.


GLI INCONTRI DEL ROSSINI

Conversazioni con attori e registi in collaborazione con l'Associazione Amici del Teatro Rossini

Tutti gli incontri si terranno al Teatro Rossini alle ore 18.00


Sabato 24 novembre 2018

FILUMENA MARTURANO

di Eduardo De Filippo

Incontro con Mariangela D’Abbraccio, Geppy Gleijeses e la compagnia


Sabato 15 dicembre 2018 (DA CONFERMARE)

DIECI PICCOLI INDIANI...E NON RIMASE NESSUNO

di Agatha Christie

Incontro con Ivana Monti e la compagnia


Sabato 12 gennaio 2019

SORELLE MATERASSI

libero adattamento di Ugo Chiti dal romanzo di Aldo Palazzeschi

Incontro con Lucia Poli, Milena Vukotic, Marilù Prati


Sabato 16 febbraio 2019

MISURA PER MISURA

di William Shakespeare

Incontro con Jurij Ferrini


Sabato 30 marzo 2019

IL VANGELO SECONDO LORENZO

di Leo Muscato e Laura Perini

Incontro con la compagnia


Sabato 13 aprile 2019

VOCI NEL BUIO

di John Pielmeier

Incontro con Laura Morante



STAGIONE DI PROSA 2018/2019

BIGLIETTI ABBONAMENTI

Platea e palco

interi € 25,00 € 120,00

ridotti € 22,00 € 110,00

under26 € 15,00 € 72,00
Galleria

interi € 20,00 € 100,00

ridotti € 17,00 € 90,00

under26 € 12,00 € 60,00


Loggione

interi € 12,00

under26 € 8,00


RIDUZIONI

Pensionati con oltre 60 anni e persone sopra i 65 anni: riduzione su biglietti e abbonamenti.

Giovani con meno di 26 anni: riduzione del 40% su biglietti e abbonamenti.

Soci Coop Alleanza 3.0, F.A.I. e Cna: riduzione sui biglietti dei singoli spettacoli, dietro presentazione della tessera.


RINNOVO E NUOVI ABBONAMENTI

Da sabato 20 ottobre a domenica 11 novembre: tutte le mattine da martedì a domenica dalle 9.30 alle 13.00. Pomeriggi del martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 16.00 alle 19.00. LUNEDI CHIUSO.

VENDITA BIGLIETTI

Da sabato 17 novembre:

Tutte le mattine dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 (festivi esclusi); il pomeriggio di spettacolo e quello precedente dalle 15.30 alle 18.30

Giorno di spettacolo: ore 10-13/ ore 15.30-18.30/ ore 19.30-21

BIGLIETTERIA ON-LINE www.vivaticket.it

A spettacolo iniziato non sarà consentito l'ingresso in platea.

Ci si riserva di apportare al programma le modifiche derivanti da cause di forza maggiore.


Fondazione Teatro Rossini
Piazzale Cavour, 17 - Lugo
Tel. 0545-38542 - Fax 0545-38482
info@teatrorossini.it
www.teatrorossini.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento