venerdì 29 giugno 2018

Popoli entra nel vivo

Musiche da Perù e Irlanda e alla consolle Paolo Scotti 


Dopo l'inaugurazione affidata ai ritmi africani dell'Uomo Leone del Senegal, la X edizione del Popoli Pop Cult Festival di Bagnara di Romagna dedicata al focus "Europa" continua il suo viaggio musicale.
Protagonista della seconda serata del Festival più amato del territorio - oggi, venerdì 29 giugno - sarà il gruppo “Inkamarka”, originario del Perù, pronto ad affascinare con i suoni e le melodie provenienti da quella terra. Inkamarka significa, in lingua aymara, "Terra degli Inca". Nel 1992 il gruppo è stato riconosciuto come "rivelazione dell'anno" e da allora sono iniziate le esibizioni in luoghi diversi all'interno del paese e successivamente anche all’estero.

Il cortile della Rocca Sforzesca sarà pervaso dalla magia della musica celtica espressa dal gruppo irlandese “Daran”. Re della rassegna “Djs dal mondo” saranno Dj Paolo Scotti, uno dei più grandi collezionisti di vinile del nostro Paese, produttore anche di uno dei brani del film premio Oscar "La grande bellezza", che proporrà un dj set dedicato alla Disco Funk degli anni 70, con un tributo allo Studio 54,con brani originali e versioni re-edit mai sentite prima. I Buskers saranno di nuovo presenti lungo le vie del Borgo.

Dalle 18,30 alle 23,30 sarà possibile visitare le mostre: “Destinazione Europa”, mostra collettiva di arte contemporanea con opere diGiuseppe Bedeschi, Anna Boschi, Bruno Capatti, Antonio Caranti, Lamberto Caravita Barbara Cotignoli, Benedetta Jandolo, Collettivo instabile Morelli-Mazzesi, Rossella Riccidedicatea situazioni, epoche e storie che hanno costruito o caratterizzato l'Europa (Rocca Sforzesca dalle 18,30 alle 23.30), “Stelle Persiane” personale dell'artista iraniano Reyhaneh Alikhani,"Afrika" di Sara Balanti,"Donne e energia sostenibile" che, in biblioteca, darà modo, attraverso le 12 immagini esposte, di visionare il lavoro svolto dalla Direzione generale Cooperazione internazionale e Sviluppo della Commissione europea, "Flusso. Sculture di DANI", personale dell'artista bolognese Daniela Romagnoli, “Un’Europa di Pace”, elaborati della scuola secondaria di primo grado (loggiato del Palazzo Comunale).

Per i bambini ci sarà il laboratorio "Le stelle d'Europa" organizzato dalle ore 20,30, nei Giardini della Rocca.

Punto forte del Festival è la gastronomia rappresentata da 23 stand diversi. Fra le novità assolute ci saranno gli stand del Portogallo, dell'India, del Venezuela e dell'Ungheria che proporrà unicamente i suoi dolci insieme al gradito ritorno della cucina rumena. Le altre cucine rappresentate saranno quelle di Albania, Angola, Argentina, Austria, Brasile, Camerun, Cuba, Repubblica Dominicana, Filippine, Francia, Grecia, Messico, Perù, Russia, Spagna, Thailandia, Germania, Vietnam.

Il piatto più buono del Festival, giudicato dalla Giuria presieduta dalla finalista Masterchef Kateryna Gryniukh nell'ambito del concorso "Berni per Popoli" sarà premiato nella serata di sabato 30 giugno. Sempre nella stessa serata sarà consegnato il Premio Popoli a Stefano Manservisi, Direttore Generale per la cooperazione internazionale e lo sviluppo della Commissione Europea, dopo l'incontro aperto a pubblico e stampa dal titolo "Europa fra passato e futuro" che porterà nel Cortile della Rocca il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini e l'ambasciatore del Vietnam S.E. Cao Chinh Thien insieme al sindaco di Bagnara di Romagna, Riccardo Francone, al direttore artistico del Festival, Massimo Bellotti e al funzionario della Commissione Europea, Simone Ceramicola.

Per informazioni: www.popolipopcultfestival.com

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento