venerdì 22 giugno 2018

Si rafforza la ripresa

Riceviamo da Giuseppe Sangiorgi e pubblichiamo

Il volume d’affari sale dell’1,5 %. L’accelerazione è determinata dalle piccole e medie imprese, mentre le grandi subiscono un lieve arretramento dell’attività. Rallenta ancora la riduzione della base imprenditoriale (-816 imprese, -1,2 %): è la flessione più contenuta dal primo trimestre del 2012.


Nel primo trimestre 2018, le costruzioni emiliano-romagnole accelerano il ritmo e ottengono un aumento del volume d’affari dell’1,5 % rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nonostante ciò il saldo dei giudizi tra la quote delle imprese che rilevano un aumento o una riduzione del volume d’affari si è inaspettatamente indebolito e è sceso da +14,5 a +5,4 punti. Nel trimestre si è decisamente ripresa la tendenza positiva per le piccole imprese da 1 a 9 dipendenti (+1,9 %) e resta sostenuta per le medie imprese da 10 a 49 dipendenti (+1,7 %), mentre per le grandi imprese da 50 a 500 dipendenti il rallentamento del trimestre precedente è stato seguito da un lieve arretramento del volume d’affari (-0,1 %).

Sono questi alcuni dati che emergono dall’indagine sulla congiuntura delle costruzioni di Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna

Il Rregistro delle imprese.

Con la più contenuta flessione dalla fine dal primo trimestre del 2012, pari a 816 in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-1,2 %), a fine marzo le imprese attive nelle costruzioni sono risultate 65.579.

Nei due raggruppamenti principali, la riduzione è risultata più rapida e leggermente più ampia per le imprese operanti nella costruzione di edifici (-413 unità, -2,5 %), ma quasi altrettanto ampia per quelle attive nei lavori di costruzione specializzati (-387 unità, -0,8 %), che concentrano le imprese minori. La diminuzione è determinata soprattutto dalle ditte individuali (816 unità, -1,8 %), quindi dalle società di persone (-4,5 %, -319 unità). Q

Queste risentono negativamente dell’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata, che determina l’aumento delle società di capitali (+2,9 %, 361 unità), con un ritmo non toccato dal secondo trimestre 2010.
 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento