venerdì 29 giugno 2018

Stimolante la proposta di Grillo

Sono tante le possibili forme di govero


E' interessante per chi abbia un minimo di nozioni di scienze politiche.


Le forme di governo esistenti o esistite sono sette, se si guarda al mondo e alla sua storia, non certo una come chi guardi solo a casa propria nella globalizzazione.

E del resto anche nella storia del nostro Paese, di chi è finito poi per parte dell'Italia, le forme di governo sono state tante.

Solo per fare una considerazione tecnica e non politica-valoriale, la democrazia popolare, democratica, si fonda appunto sul popolo, sono i cittadini i proprietari del potere pubblico.

La nostra Costituzione dice che la esercitano attraverso il loro rappresentanti scelti ovviamente dagli stessi cittadini (non dai dirigenti di partito!)

Chi attualmente esercita il potere, i sindaci, i governatori, i parlamentari sono scelti dal 51 per cento dei cittadini, a volte anche da meno della maggiornza....

Il primo partito è largamente quello dei non votanti, l'indice di fiducia verso i partiti è al 5 per cento !

Un sistema di governo democratico nel quale chi ha il potere sia assente è un non senso.

Ve lo immaginate un dittatore o un re che non sia presente?

Volendo evitare gli altri sistemi esistenti o esistiti, perchè, come stimola Grillo, il vero rottamatore, non tornare alla base, alla democrazia greca, le decisioni prese in piazza, certo anche con le donne e gli "schiavi".

Impossibile per ragioni di numeri?

Sono proprio i numeri, come detto, a doverci far pensare, i quasi trenta milioni di italiani che non votano, che dicono al vigente sistema.

Chi è a decidere chi debba scontare un ergastolo?

Arrigo Antonellini
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento