sabato 28 luglio 2018

No alle “etichettature a semaforo”

Riceviamo dal consigliere regionale del PD Gianni Bessi e pubblichiamo

In Regione è stata approvata una risoluzione che dice no alle “etichettature a semaforo” e a qualunque tentativo di criminalizzare le eccellenze agroalimentari della Regione Emilia-Romagna.


Se passasse la logica dell’etichettatura a semaforo, che mira a dividere gli alimenti solo in base al mero contenuto di zuccheri o grassi, sarebbero a rischio alcuni tra prodotti più invidiati del panorama agroalimentare mondiale come il Parmigiano Reggiano o il Prosciutto di Parma. 

Tutti i cibi naturali possono contenere in piccole dosi elementi potenzialmente nocivi, ma questo non significa che i 44 prodotti emiliano-romagnoli che hanno ottenuto etichette DOP e IGP possano essere in qualche modo equiparati a quei tantissimi prodotti dozzinali e ricchi di additivi caratteristici delle culture alimentari del nord europa. 

Nella Risoluzione che abbiamo approvato abbiamo chiesto un intervento netto alla Giunta, affinché presidi con attenzione la prossima seduta dell’Assemblea Generale ONU, programmata per il prossimo 27 settembre, che discuterà proprio di questo tema.

Gianni Bessi


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento