martedì 14 agosto 2018

Per ora 39 morti a Genova

La preghiera di Salvini



E' stato l'unico nelle solite dichiarazioni di circostanza delle autorità nei casi di tragedie a chiudere con l'invito ad una preghiera.
Una preghiera al Dio dell'Amore per il prossimo, della Solidarietà, dell'Accoglienza, dell'essere tutti suoi figli, fratelli tra noi.
Una atto di cortesia prima, per le oltre cento persone, donne e bambini lasciati sull'Acquarius per sei giorni, accolti dalla piccola Malta e da sei paesi europei, tranne noi?
"Anadate dove volete ma non venire a rompere la scatole a noi".
Prima di entrare a pregare vai a riconciliarti con il tuo prossimo.

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento