venerdì 28 settembre 2018

Come cambia il lavoro

Oggi venerdì 28 settembre al Tondo

E' cambiato il relatore, il sociologo del lavoro Domenico de Masi è impossibilitato a presenziare, il nuovo relatore è Federico Martelloni dell'Università di Bologna.

Per la prima volta nella storia dell’umanità il lavoro umano viene eliminato dal processo di produzione.

Schiere di disoccupati e sottoccupati crescono quotidianamente in Italia, Europa, Nord America, Giappone.

“Le macchine sono il nuovo proletariato” e l’economia globale spinge verso la fabbrica senza lavoratori.

Le imprese stornano centinaia di milioni di dollari, ogni anno, a favore dell’alta tecnologia informatica. Se nel 1985 a Termoli si costruivano i primi motori Fiat con i robot, oggi molte fabbriche metalmeccaniche in Germania e tutte le fabbriche automobilistiche, dalla BMW alla Volkswagen, scodellano milioni di prodotti costruiti da robot e quasi nessun operaio.

In Cina nella provincia di Guangdong mirano alla completa digitalizzazione di otto fabbriche su dieci, entro il 2020, riducendo del 90% i lavoratori; il restante 10% è costituito da informatici e manager.

Se il risparmio, il prestigio, l’identità sociale, l’emancipazione, le opportunità, le tutele derivano dal nostro lavoro..a coloro cui è stato negato non resta che la disperazione e la depressione: una nuova modalità di deportazione di milioni di uomini e donne da marchiare come esuberi.

“Ogni progresso fa le sue vittime” così il Sistema del Profitto vola verso un lavoro tecnomorfo-digitale, elaborando nuovi raffinati sfruttamenti fulminei, impalpabili... lasciandosi alle spalle distanze infinite con il vecchio mondo del lavoro, ormai reso un rumore di fondo di “ferraglie di scioperi e rivendicazioni, trattative e concertazioni vetero-proletarie inutilmente chiassose”.

Sarà ancora possibile una “Repubblica Italiana fondata sul lavoro”?

È realizzabile un’autentica coesione sociale in questo tempo dilaniato da disoccupazione, disuguaglianze, esclusioni?

Esistono teorie economiche dal volto umano?

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento