martedì 9 ottobre 2018

Ci scusiamo con i lettori proprietari

Per i miracoli passate domani



Siamo nati undici anni fa, il 14 aprile del 20o7.


Tra i diversi obiettivi contenuti nello statuto della nostra associazione c'era di essere finalmente il primo quotidiano locale che desse spazio a tutti, pubblicando tutto ciò che riceviamo.

Siamo arrivati, a volte, ad oltre i trenta articoli a fronte dei 5 o 6 dei quotidiani cartacei.

Abbiamo resistito sino all'ultimo, allungando a "dismisura" l'orario di lavoro giornaliero.

Ma ora dobbiamo arrenderci, alzare, come si dice bandiera bianca. 

Ora siamo arrivati al centinaio di mail che ci ci arrivano ogni giorno.

Stiamo spingendo sino ad evaderne, 70-80 al giorno, il ritmo del cento per cento di ciò che ci arriva non riusciamo più a tenerlo.

In redazione abbiamo portato anche le bimbe che non sanno ancora scrivere ma le lettere della tastiera le conoscono e vogliono digitare....  

Risultato, una ventina circa ogni giorno non riusciamo ad aprirle, ne abbiamo già oltre duecento non aperte.

Queste righe sono per scusarci con chi non trova pubblicato ciò che ci ha mandato o che non abbia avuto risposta.

Importante una precisazione: non c'è nessuna scelta da parte nostra, seguiamo l'ordine temporale.

Il direttore

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento