lunedì 22 ottobre 2018

Libriamoci a scuola

Letture nelle elementari di Massa Lombarda


Massa Lombarda aderisce a “Libriamoci a scuola” e organizza tre giornate di promozione della lettura negli istituti elementari di Massa Lombarda e di Fruges da oggi, lunedì 22 a mercoledì 24 ottobre.
Durante le tre mattine, infatti, il sindaco Daniele Bassi leggerà alle bambine e ai bambini delle classi prime, quarte e quinte delle scuole elementari “Torchi” e “Quadri” alcuni testi scelti dalle bibliotecarie del centro culturale “Carlo Venturini”. Le letture selezionate sono Le regole raccontate ai bambini di Gherardo Colombo e Ilaria Faccioli, L’isola delle regole di Anna Sarfatti e Simona Frasca e Tutto è possibile di Giulia Belloni e Marco Trevisan.

Obiettivo dell’iniziativa è promuovere l’educazione-azione alla cittadinanza attiva e al rispetto dei diritti, anche favorendo la partecipazione diretta dei giovani lettori alle istituzioni. Tra i filoni tematici suggeriti dal Ministero, è stato infatti scelto quello della “Lettura come libertà”, intesa come esercizio della libertà individuale, di pensiero critico e quindi di azione, ma anche libertà di saper scegliere cosa, come e dove leggere e di avere il coraggio di essere se stessi e affrontare la vita. Nel 2018, inoltre, ricorrono i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana i cui principi si fondano sulla libertà.

Massa Lombarda è stata confermata anche per il biennio 2018-2019 “Città che legge” dal Centro per il libro e la lettura, che promuove e valorizza le Amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura.

Libriamoci è un progetto, promosso dal Centro per il libro e la lettura e Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sostiene la diffusione della lettura tra gli studenti, invitando tutti gli istituti scolastici a inserire nelle proprie attività educative e formative dei momenti da riservare alla lettura ad alta voce, considerata strumento fondamentale per la crescita emozionale e cognitiva dello studente.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento