mercoledì 21 novembre 2018

I Verdi bocciano il progetto del nuovo Centro Commerciale

Il futuro è nei negozi di prossimità ma noi siamo chiusi al nuovo  



In europa quartieri senza auto e negozi di prossimità. Qui continua il fallimentare progetto di centri commerciali e di auto inquinanti come unico obiettivo.

334 nuovi posti auto ( in maggioranza sotterranei), 2.200 mq di superficie commerciale alimentare, 20.120 mq di superficie urbanizzata (più di due ettari !), tre scale mobili come in un aeroporto: questa è la colata di asfalto e cemento con qualche albero di contorno che si abbatterà sull’area dell’ ex acetifico Venturi.

E’ l’esito di un accordo tra pubblico (Comune) e privato (Conad) in cambio, oltre agli oneri di urbanizzazione, di una farmacia e di un ambulatorio definito casa della salute, di uffici per i welfare, presentato  pubblicamente dal sindaco Ranalli e già approvato dal Consiglio Comunale.

Non ancora definito il tema della viabilità con sottopasso, sovrappasso e gronda poiché il centro commerciale si trasformerà inevitabilmente in una calamita di traffico proveniente da tutta Lugo e oltre. Centinaia di auto in più ogni ora ad intasare il quartiere.

Sempre che il centro commerciale, in un'area già satura di offerte simili attragga davvero.

Una nuova circonvallazione ( la gronda) che porterebbe ancora più rumore (già ora fuorilegge) e inquinamento atmosferico dentro al quartiere, creerebbe una nuova barriera tra madonna delle stuoie ed il centro storico.

Una circonvallazione andrebbe invece progettata all'esterno del quartiere, come proponiamo da anni.

Gli abitanti di Madonna delle stuoie hanno bisogno sì della riqualificazione dell’area, ma soprattutto di un supermercato di quartiere, non di una mega struttura che renderebbe invivibile per il traffico ed il rumore la zona.

Senza dimenticare la desertificazione commerciale del centro di Lugo, come giustamente sostiene l’Ascom.

Mentre in europa si progettano quartieri senza auto, qui si continua nella vecchia strada perdente dei centri commerciali e delle automobili inquinanti.

Salvo poi fare piani sulla qualità dell'aria e domeniche ecologiche che risultano inevitabilmente inadeguati.

I verdi, nelle osservazioni presentate formalmente il 19 febbraio 2017 ( sul sito verdilugo.blogspot.com) e che aspettano ancora una risposta, dovuta per legge, da parte delle istituzioni, proponevano una riduzione delle superfici commerciali e abitative ,una maggiore area verde e pedonale ciclistica per rendere meno insostenibile il progetto.

Aspettiamo le risposte per un giudizio articolato e definitivo.

La casa della salute, poi, andrebbe collocata nei locali dismessi dell’ospedale anche per fermarne il progressivo svuotamento.

Una sonora bocciatura da parte dei Verdi del progetto che ricordano che l’ultimo sciagurato accordo pubblico / privato ( la lottizzazione di via Villa) ha portato al fallimento dell’impresa costruttrice e la crisi della banca che la sosteneva.

Gabriele Serantoni
(portavoce Verdi –Lugo)

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento