mercoledì 5 dicembre 2018

Forti proteste per il nuovo orario ferroviario

A Barbiano, a Godo, a Classe...

Per il metodo. 

Nessuna azienda, se non è in condizione di monopolio, non ci pensa nemmeno a rivoluzionare i suoi prodotti in vendita, pochi giorni prima di farlo, come potrebbe pensare poi di venderli subito? Ma i nostri treni locali lo sono in condizione di monopolio!

Con un dato però, che sono le Regioni a pagare.

Ed è la Regione a dover ordinare che così non si può fare, e questa è politica, la politica della movimentazione delle persone, degli elettori. 

Sindaci che una settimana prima dei cambiamenti di orari non sanno le condizioni di viaggio dei propri cittadini!

Studenti e lavoratori che non sanno quando potranno arrivare a scuola o sul posto di lavoro e quando potranno tornare a casa.

Abbonamenti già fatti, pagati, per comprare un prodotto che il produttore ti cambia dopo che hai già pagato? Per fortuna esistono gli avvocati che pagheranno chi ha creato i danni.

Per convezione internazionale i cambiamenti di orario si fanno a dicembre? Chi incassa gli abbonamenti ha il dovere di comunicare per tempo, prima di incassare il denaro, cosa succederà durante la validità del prodotto già venduto.

Nel merito.

Fortissime proteste da Barbiano, Godo e Classe. 

Qualsiasi accelerazione dei tempi di percorrenza non può lasciare a piedi la gente per strada.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento