mercoledì 5 dicembre 2018

Incisioni, acqueforti di Roberta Zamboni ed Ermes Bajoni

A Bagnacavallo


Lo spazio Confcommercio Ascom di Bagnacavallo ospiterà da domani giovedì 6 dicembre fino al 6 gennaio la mostra Incisioni, acqueforti di Roberta Zamboni ed Ermes Bajoni.






All’inaugurazione, in programma domani alle 17.30, interverranno accanto agli artisti il sindaco Eleonora Proni e il direttore di Confcommercio Ascom Lugo Luca Massaccesi. Presenterà il critico d’arte Carlo Polgrossi.

Incisioni nasce con l’intenzione di proporre anche a Bagnacavallo un gruppo di selezionate opere grafiche che hanno fatto parte di un insieme di mostre allestite dai due artisti assieme o in personali in molte città d’Italia, in Francia e Polonia. In esposizione ci sono le più significative opere del lavoro dei due incisori negli ultimi anni.

«Con quel segno modernissimo Roberta, da Picasso ad Hartung – scrive Polgrossi – è passata sul novecento; tutto ha toccato e da tutto si è contagiata, rivisitando la memoria con l'attualità. Al fondo di queste immagini Roberta Zamboni ha raggiunto ciò che cercava, il fine ultimo di un sofferto percorso che in ogni artista trova la sua ragion d’essere nel produrre bellezza rivestendo poeticamente coi propri sguardi il mondo aspro che ci circonda.»

«Con la sua grafica perfetta e implacabile Bajoni – osserva ancora Polgrossi – ci consegna un rendiconto fallimentare frutto di un dissesto etico e morale che lascia intravedere poche speranze di riscatto. Miriadi di segni e labili tracce su materiale molle e ricettivo, ruderi non ancora riconquistati dalla natura, semplici tracce dinamiche in un apparente non finito che ti sollevano e ti trascinano in un’aria metafisica… Sostiene Bajoni che, pur non appellandosi più Amore, la Bellezza ci salverà. Forse.»

Roberta Zamboni è nata nel 1964 a Ravenna dove risiede e ha lo studio. Diplomata al Liceo Artistico P.L. Nervi della sua città e divenuta poi tecnica pubblicitaria. Si è in seguito dedicata all’incisione calcografica sotto la guida dell’incisore e torcoliere Giuseppe Maestri e, successivamente, alla pittura.

Ermes Bajoni è nato nel 1941 a Bagnacavallo dove risiede e ha lo studio. Il suo lavoro artistico inizia a metà degli anni Sessanta operando prima in grafica e, soltanto in un secondo tempo, in pittura. Ritorna poi alla grafica e a partire dal 1988 si interessa soprattutto di linguaggio incisorio producendo, fino a oggi, circa duecentottanta lastre calcografiche. La sua incisione si propone per cicli non consequenziali ma autonomi e contemporanei che tentano di raccontare situazioni della realtà quotidiana. Fin dalla sua istituzione nel 1990 è consulente tecnico e artistico del Gabinetto Stampe Antiche e Moderne del Comune di Bagnacavallo.

La mostra è promossa da Confcommercio Ascom Lugo con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo. Orari: dal martedì alla domenica dalle 16 alle 19. Ingresso libero.

Lo spazio Confcommercio Ascom è in piazza della Libertà 34.

Info: 0545 280814 (Area Cultura del Comune)

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento