martedì 11 dicembre 2018

Renzi e la scissione del PD

Anacronistico un altro partito



Renzi sta per farne nascere un altro partito....obiettivo? 

Prendere un voto di più del partito di cui è stato il capo.

Non possono essercene altri. di obiettivi.

Si conferma che non sappiamo fare opposizione; Berlusconi, cui tutto si può dire tranne che non sappia fare, parla agli italiani di precise cose da fare per loro, migliori ovviamente a suo giudizio, di ciò che sta facendo il governo, sempre che prima o poi riesca a fare davvero qualcosa delle loro irrealizzabili promesse elettorali. 

Una parte dell'altra opposizione, il PD, parla invece di fondare un partito! Un partito??

Chi sa, perchè si è informato con metodi scientifici, il Censis, informa che il livello di credibilità dello strumento partito è sceso dal cinque per cento allo zero e che l'astensionismo crescerà ancora di molto.

Già abbiamo perso più del dovuto il 4 marzo per una scissione; avessimo fatto il 22 invece del 18 forse ora la situazione sarebbe diversa.

 A chi servono due partiti del 9 per cento?

Della serie, del governare per fare stare meglio il nostro prossimo non ce ne frega niente, alla faccia della politica per spirito di servizio.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento