lunedì 21 gennaio 2019

Barcone in avaria alla deriva, in 100 a bordo

Fa effetto.....

Mentre ancora si discute degli ultimi due naufragi che tra venerdì e sabato hanno fatto quasi 190 morti nel Mediterraneo, un altro barcone, questa volta con a bordo 100 persone, tra cui 20 donne e bambini, si è trovato in difficoltà nel Mediterraneo.



La situazione a bordo è stata definita "drammatica", sia per il freddo, sia per le condizioni critiche dell'imbarcazione che ha imbarcato acqua. 

Intanto, anche la nave Sea Watch, con a bordo 47 persone tratte in salvo da un gommone sabato, si starebbe dirigendo verso l'imbarcazione. 

"Siamo a 15 ore di distanza. Non possiamo coprire da soli il Mediterraneo, dove le persone vengono lasciate morire", accusa l'ONG. 

La segnalazione è arrivata su Twitter da Alarm Phone che, in in una lunga serie di messaggi, ha spiegato di aver provato a contattare le autorità libiche, italiane e maltesi e che a bordo ci sarebbe un bimbo “privo di conoscenza o addirittura morto". 

Ora li riportano a Misurata, in Libia, ma dove erano partiti! 

Ma loro dicono meglio morire che stare in Libia: ce li fanno vedere tra una settimana come sono messi, dove li abbiamo rimandati indietro?

"VI supplico non voglio tornare indietro". Li aspetta il lager. 

Sapevano ve bene andando in mare lì, su quel gommone, rischiavano la vita, ma meglio morire che rimanere in Libia, nei lager.

Ora cosa devono fare, suicidarsi davanti a Salvini?

Salvini: "Caro "straniero" quello che conta è che non vieni a rompere le scatole a chi mi vota".  

Fa effetto sì, sentire un vice ministro di un grande Paese come il nostro parlare a lungo del come dare qualche decina di Euro in più agli italinai, mentre questi stranieri stanno perdendo la loro vita, e un altro continuare a urlare tre "no".

E tra l'altro, vestito da poliziotto, dire che è bene legare una Persona, senza pensare al perchè sia morto;  non in pietoso silenzio davanti alla perdita di una vita.

Alla faccia delle dichiarazioni sul diritto alla vita, gli immigrati, come tutti ne hanno una sola di vita, di euri molti italiani ne hanno pochi, vergognosamente pochi, ma domani loro respireranno ancora....

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento