martedì 22 gennaio 2019

Dalla chanson alla serenata

Per la stagione concertistica del Teatro Rossini di Lugo 


Sabato 26 gennaio alle ore 20,30.






Antonin Dvoràk
Serenata per archi op.22

Ottorino Respighi
Il Tramonto poemetto lirico per mezzosoprano e orchestra d’archi

Manuel De Falla
Siete canciones populares espanolas

Giacomo Puccini
I crisantemi

Astor Piazzolla
Oblivion

Gioachino Rossini
La Danza




ORCHESTRA CITTA’ DI FERRARA

NICOLETTA CONTI
direttore

DANIELA PINI
mezzosoprano

NICOLETTA CONTI

Nata a Bologna, ha compiuto gli studi di pianoforte e direzione d’orchestra nei Conservatori di Milano e di Bologna; è laureata in musicologia presso l'Università di Bologna. Si è perfezionata in direzione d’orchestra con i maggiori direttori: Leopold Hager a Salisburgo, Seiji Ozawa e Kurt Masur a Tanglewood negli Stati Uniti, ma soprattutto Leonard Bernstein, di cui è stata una delle sue più promettenti allieve.

Molto apprezzata per la sua tecnica ed interpretazione, si è imposta come direttore in Italia e all’estero alla guida delle maggiori orchestre sinfoniche. E’ una delle poche donne che è riuscita ad emergere in un ambiente prettamente al maschile, infrangendo il “tetto di cristallo” e lasciando il suo nome scritto nella storia della direzione d’orchestra in Italia. Nicoletta Conti è docente presso il Conservatorio G.B. Martini di Bologna e tiene regolarmente masterclasses e seminari all'estero dedicati allo studio dell'interpretazione dell'opera e della drammaturgia.

Le sue ricerche spaziano anche nell'ambito del rapporto musica-immagine. Fra i progetti futuri ci sono concerti in Giappone e Stati Uniti.

DANIELA PINI

Laureata in lettere presso l’Università di Bologna con tesi in storia della musica, ha studiato canto con il M° Angelo Bertacchi.

La duttilità vocale di Daniela Pini le permette di spaziare tra diversi stili che vanno dalla musica barocca alla musica contemporanea ed ha in repertorio oltre 60 titoli.

Si è esibita nei teatri di tutto il mondo, lavorando con direttori quali R. Muti, R. Abbado, G.Gelmetti, Y. Temirkanov, D. Oren, E. Pidò, D. Renzetti, R. Frizza, P. Arrivabeni, K. Martin, J.C. Casadeus, C. Scimone, A. Battistoni, N. Luisotti, J.C. Spinosi, A. Marcon, M. Mariotti, D. Callegari, G. Noseda, P. Carignani, G. Sagripanti, D. Rustioni, R. Alessandrini, T. Ringborg, S. Scapucci.

Ha lavorato con registi quali G. Vick, G. Lavia, D. Fo, L. Wertmuller, E. Scola, P.L. Pizzi, M. Gasparon, D. McVicar, L. Ronconi, H. De Ana, I. Brook, D. Michieletto, J.Font.

Recentemente ha calcato i palcoscenici del Teatro Costanzi di Roma, del Bayerische Staatsoper di Monaco e ha rappresentato l’Italia nel concerto di apertura del 18° Festival delle arti presso il National Centre For the Performing Arts di Pechino.

Si è appena esibita, riscuotendo grande successo, al Musikverein di Vienna diretta dal M. Riccardo Muti, dal quale sarà diretta prossimamente a Tokyo al Bunka kaikan.

ORCHESTRA CITTA’ DI FERRARA

L’Orchestra Città di Ferrara, Associazione autonoma di musicisti, nasce nel 1992 con il sostegno di Claudio Abbado attraverso un innovativo progetto di collaborazione con i musicisti della Chamber Orchestra of Europe, creando le basi per una stretta collaborazione con il Teatro Comunale di Ferrara dove ha sede organizzativa.

Il primo concerto ha avuto luogo al Teatro Comunale di Ferrara con musiche del Novecento ispirate alla mostra su Marc Chagall. Immediatamente il repertorio si è allargato al Romanticismo mitteleuropeo (Beethoven, Mendelssohn, Schubert, Wagner, Brahms, Schuman, Chopin, fino a Richard Strauss) e al Settecento, dal barocco al classicismo viennese (Frescobaldi, Corelli, Vivaldi, Tartini, Bach, Rameau fino a Salieri, Haydn e naturalmente Mozart).

Le più significative e caratterizzanti esplorazioni hanno tuttavia riguardato il repertorio del Novecento: non soltanto i classici (Stravinskij, Hindemith, Bartòk, De Falla, Schönberg, Prokof'ev, Ravel, Copland, Janacek, Barber, Weill, Rota, Respighi), ma soprattutto i contemporanei come Berio, Sciarrino, Corghi, Battistelli.

Hanno collaborato con l’Orchestra Città di Ferrara, fra gli altri, direttori e solisti come William Conway, Douglas Boyd, Paul Meyer, Daniele Damiano, Michel Dalberto, Charles Rosen, Lü Jia, Michael Halàsz, Giampaolo Bisanti, Enrique Mazzola, Giuseppe Grazioli, Rudolf Buchbinder, Yoram David, Pedro Alcalde, George Schmoe, Oliver von Dohnanyi, David Garforth, Rowland Lee, Georgy Rath, Lothar Koenigs, Johnathan Webb, Maria José Trullu, Jean-Bernard Pommier, Pier Narciso Masi, Jacques Zoon, Alexander Vedernikov, Diego Fasolis, Nikolas Brochot, Cristoph Muller, Micha Hamel, Peter Csaba, Sergio Alapont, Laura Polverelli, Daniele Pollini, Federico Mondelci, Andrea Griminelli, Danielle Lavalle, Sylvie Guillem, Arnoldo Foà, Lucio Dalla, Laura Marzadori.

Varia e articolata l’esperienza nell’opera e nel balletto. Da citare: Le astuzie femminili di Cimarosa, Prova d’orchestra di Battistelli, La clemenza di Tito di Mozart, la prima italiana di The death of Klinghoffer di Adams, la prima esecuzione assoluta di Isabella di Azio Corghi al Rossini Opera Festival di Pesaro, Le nozze di Figaro al Festival di Montepulciano, Il lago dei cigni (col Ballet de l’Opéra de Paris e con la compagnia inglese Adventures in Motion Pictures) e Romeo e Giulietta di Prokof'ev (con il Balletto dell’Opera di Monaco di Baviera), la prima assoluta de Il fiore delle mille e una notte di Battistelli. Negli anni l’orchestra ha improntato la sua attività nel campo operistico maturando un vasto repertorio che annovera i più importanti titoli della tradizione italiana, da Rossini a Verdi, Bellini, Donizetti, Mascagni, Puccini.

Da oltre un decennio l’Orchestra ha avviato, con il patrocinio del Comune di Ferrara e della Regione Emilia Romagna, il progetto “Orchestra Città di Ferrara – veicolo di cultura tra città e territorio” producendo sino ad oggi più di 200 appuntamenti concertistici

Ha inciso per Polygram, Auvidis, Denon-Columbia, Tactus.

Informazioni e prenotazioni:
Teatro Rossini, Piazzale Cavour 17, LUGO
www.teatrorossini.it – info@teatrorossini.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento