sabato 16 marzo 2019

Contratto scaduto da 12 anni e salari depotenziati.nella sanità privata

Bagnari, Rontini e Zoffoli (PD): “La Giunta si attivi per tutelare la dignità dei lavoratori"

A dodici anni dalla scadenza del contratto collettivo nazionale di lavoro della sanità privata CGIL, CISL e UIL hanno interrotto il tavolo della trattativa attualmente in corso.


“I datori di lavoro della sanità privata, infatti, dalla scadenza del contratto, hanno retribuito il personale pari qualifica mediamente meno, e spesso con organici più scarsi, rispetto al pubblico. Nei fatti, le strutture in convenzione hanno quindi offerto prestazioni, pagate con risorse pubbliche, realizzate da personale non tutelato come nel settore pubblico” sottolinea il consigliere regionale Mirco Bagnari, primo firmatario dell’interrogazione depositata insieme ai colleghi PD Manuela Rontini e Paolo Zoffoli.

“Abbiamo ritenuto opportuno rivolgere un’interrogazione all’Assessore regionale alla Sanità Venturi per avere alcuni ragguagli a riguardo – annunciano i consiglieri PD – chiedendo per prima cosa quale sia stato negli ultimi anni l’andamento della spesa della Regione destinata a compensare le prestazioni erogate in convenzione dalle strutture private. Un dato rilevante che va accompagnato da un'altra risposta, ovvero quale ruolo possa svolgere la Giunta per agevolare la conclusione del complicato iter della trattativa nazionale. 


Noi crediamo fermamente nell’importanza e priorità dell’attenzione al sistema sanitario pubblico ma siamo altrettanto convinti che ai dipendenti della sanità privata, soprattutto in presenza di convenzioni con il servizio sanitario regionale, debbano essere riconosciute condizioni contrattuali dignitose. E siamo altrettanto fermamente convinti– concludono Bagnari, Rontini e Zoffoli – che l’onere del rinnovo contrattuale (contrariamente a quanto auspicato dai datori di lavoro privati) non debba ricadere esclusivamente sulle Regioni.”



Ufficio Stampa Gruppo Partito Democratico – Assemblea Legislativa Emilia-Romagna
Tel. 051. 527.5623/ www.gruppopdemiliaromagna.it
facebook.com/gruppopdemiliaromagna
twitter.com/gruppopder

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento