venerdì 29 marzo 2019

In mostra l'archivio ritrovato del fotografo Paolo Guerra

L’esposizione è allestita alle pescherie della Rocca 


Domani, sabato 30 marzo alle 17 inaugura alle pescherie della Rocca di Lugo una mostra fotografica con gli scatti ritrovati del fotografo lughese Paolo Guerra.




All’appuntamento saranno presenti il sindaco di Lugo Davide Ranalli, l’assessora alla Cultura Anna Giulia Gallegati, i curatori della mostra Giacomo Casadio e Luca Nostri e i familiari di Paolo Guerra.

Patrocinata dall’Amministrazione comunale e organizzata dall’Associazione Lugo Land - Fotografia e territorio, l’esposizione ha come oggetto il lavoro e il contesto culturale del fotografo lughese Paolo Guerra, il cui archivio straordinario di immagini è venuto alla luce solo di recente ed è ora oggetto di una vasta ricerca.

Guerra nacque nel 1913. Dopo aver lavorato come decoratore a mano di biciclette cominciò a fotografare sul finire del secondo conflitto mondiale con una Leica 35mm, riuscendo poi, negli anni successivi, a trasformare la fotografia nella propria professione. Le sue immagini raccontano la vita quotidiana del suo luogo d’origine, Lugo, dopo la liberazione dai fascisti e dall'occupazione tedesca, e riflettono la vigorosa ripresa di un paese segnato dalle cicatrici sociali e dai profondi problemi economici lasciati dalla guerra. Nelle fotografie di Paolo Guerra questo periodo di transizione è registrato con grande energia e immediatezza. Dopo il 1946 la vita a Lugo si svolgeva sullo sfondo di un paesaggio urbano ampiamente deteriorato, in contrasto con l’esuberanza caotica dei suoi abitanti che l'opera di Guerra ci restituisce: le normali scene di vita quotidiana documentate dal fotografo erano piene di gioia, di desiderio di rinascita e di profondo senso di redenzione. Ciò che sorprende di queste immagini è una peculiare energia ironica e un senso di leggerezza, accentuati dallo scenario della città ancora parzialmente in macerie.

L'archivio Paolo Guerra è composto da quasi 50.000 negativi, che il fotografo ha personalmente numerato e archiviato. La mostra presenta una selezione di 100 immagini, in un arco temporale che va dal 1946 al 1959. La principale linea narrativa è costituita da fotografie prese per strada di scene di vita che scorre davanti agli occhi del fotografo. Vi sono poi alcuni piccoli gruppi di fotografie, di soggetti che ricorrono spesso nel lavoro di Guerra: gli eventi sportivi, le processioni e i funerali, la gente nelle osterie, i veglioni, gli ubriaconi, le coppie che si baciano, ma anche il rock’n’roll e l’hula hoop, che fecero impazzire gli italiani. L’intenzione dell’allestimento è quello di rendere conto della preziosa opera del fotografo lughese in un momento storico difficile ma di fervido cambiamento sociale e culturale. Seppur scattate decenni or sono, le fotografie di Paolo Guerra hanno molto da dire sul nostro presente.

L’esposizione, a ingresso libero, rimarrà allestita fino al 28 aprile e sarà visitabile il giovedì e venerdì dalle 16 alle 18 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.




Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento