venerdì 12 aprile 2019

A Lavezzola l'inaugurazione del rinnovato monumento ai caduti

Nelle celebrazioni dell'anniversario della Liberazione


Il Comune di Conselice celebra il 74esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo con appuntamenti nelle frazioni di Lavezzola e San Patrizio.



Domani sabato 13 e Domenica 14 aprile sono infatti in programma deposizioni di corone, passeggiate e l’inaugurazione del restaurato Monumento ai caduti di Lavezzola.

Il Monumento inaugura domani alle 10 in piazza caduti a Lavezzola, con la deposizione delle corone a cura dell'Amministrazione comunale. Per l’occasione saranno presenti anche gli alunni della scuola media di Lavezzola. Il Monumento ai caduti è stato realizzato in marmo bianco e bronzo nel 1936 da Angelo Biancini. 

Nel corso del restauro, eseguito dal Laboratorio del Restauro di Ravenna, sono state ripulite le superfici del monumento, con la rimozione di incrostazioni e macchie di ruggine e la stuccatura delle fessurazioni. Inoltre, sono stati applicati il trattamento protettivo idrorepellente e il trattamento finale antiscritta e antigraffiti. L’intervento ha previsto un investimento di 11mila euro.

Sempre a Lavezzola, alle 21 la sala polivalente (via della Resistenza 19) ospita lo spettacolo di operetta con Le delizie armoniche, a cura di “La Locomotiva” e Anpi Lavezzola. Domenica 14 aprile alle 14.30 è in programma la Passeggiata per i cippi, con visita al cippo di Gandolfi, in via Moro. Nella sede dell’Anpi sarà inoltre possibile fare una merenda. In caso di maltempo l’iniziativa si terrà domenica 28 aprile.

A San Patrizio le iniziative sono in programma domani: alle 20.30 parte in piazza Mameli la fiaccolata che si concluderà con la deposizione delle corone, mentre al centro civico alle 21.30 viene proiettato il film “L’Agnese va a morire”.

Le iniziative sono organizzate dal Comune di Conselice, in collaborazione con Anpi, Caffè delle ragazze, Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Ravenna.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento