martedì 16 aprile 2019

Ha vinto Ranalli

Ma eravamo solo trecento
di Arrigo Antonellini


Ovviamente si votava applaudendo e gli applausi al sindaco, che chiede il rinnovo, perchè ha sottolineato gli è stato chiesto da tanti, sono stati i più numerosi.


Ma ne sono mancati trentamila a sentire i quattro candidati presentarsi...

Del resto la sala non ne conteneva di più e la proposta del coordinatore Della Corte di ridare alla città un auditorium dove ci si possa incontrare, ha avuto l'assenso di tutti e quattro in candidati, con Ranalli a dire ovviamente "appena sarà possibile".

Tante le critiche da parte dei tre non sindaci al sindaco, in particolare sui temi della cultura, del ruolo del volontariato, sul progetto dell'ex acetificio Venturi, ma soprattutto della sanità.

"Non si è mai sentita una critica da parte dell'amministrazione sull'impoverimento del nostro ospedale, in particolare sul numero dei parti già largamente inferiore a quello necessario per tenere aperto il reparto. Il Sindaco deve avere la capacità di far fare scelte all'Ausl che vadano nella direzione opposta".

Da Ranalli invece le critiche sono andate al governo centrale.

Tra le proposte anche quella di Marchiani di affidare il Pavaglione a terzi per la promozione di grandi eventi.  

Ovviamente dovrete trovare altri momenti per conoscere i programmi delle quattro liste, per esprimere un voto che è assolutamente necessario per il futuro della città.

Arrigo Atonellini 
  

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento