lunedì 1 aprile 2019

La Maga buca sogni

Al Teatro Goldoni di Bagnacavallo 


Sabato 6 aprile, alle 20.45, Lilt–Lega italiana per la lotta contro i tumori e Istituto oncologico romagnolo presenteranno al Teatro Goldoni di Bagnacavallo lo spettacolo La Maga buca sogni, portato in scena dalla Compagnia Amici del Pronto Soccorso di Lugo.




L’iniziativa, che gode del patrocinio del Comune, dell’Ausl della Romagna e della Pro Loco di Bagnacavallo, è pensata per raccogliere fondi a favore dei progetti della Lilt e, principalmente, il Progetto andrologico, avviato nell’ottobre scorso per garantire una visita andrologica ai circa 300 studenti maschi delle classi seconde delle scuole superiori di Lugo.

«La Lilt e lo Ior, pur realizzando distinti progetti operativi, ritengono sia importantissima una forte collaborazione tra di loro e con tutti gli altri attori impegnati in campo oncologico per un’efficace lotta al comune nemico: il tumore – spiegano i promotori dell’iniziativa. – Per questo abbiamo dato vita allo spettacolo, che dopo Lugo presentiamo ora a Bagnacavallo.»

Trenta fra attori e ballerini porteranno in scena il testo scritto da Stefano Para da un’idea di Andrea Para.

«Non c’è due senza tre può essere definito senz’altro il filo conduttore di questa leggera, ma non certo banale, commedia, scritta a più mani dalla Compagnia degli Amici del Pronto Soccorso – spiega il regista Paolo Parmiani –. L’intreccio si snoda attraverso situazioni piacevolmente divertenti che, comunque, rispondono a una struttura drammaturgica azzeccata, ricorrendo a personaggi “simpaticamente” ben costruiti. Il tutto è condito, come nella tradizione della Compagnia, da puntuali e vivaci coreografie che contribuiscono a rendere questo spettacolo un evento da non perdere.»

Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con la Confartigianato provinciale di Ravenna.

Biglietti: 10 euro.

La prevendita è attiva presso il Chiribilli Bistrò, in piazza della Libertà 40 a Bagnacavallo.

Per informazioni:  345 4233751   ravenna@lilt.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento