mercoledì 10 aprile 2019

Variante al Piano particolareggiato del centro storico di Bagnacavallo

Riceviamo e pubblichiamo


Il Consiglio comunale di Bagnacavallo ha approvato la variante 2018 al Piano particolareggiato del centro storico (Ppcs).
Lo strumento urbanistico, che disciplina norme e strategie per l’area del centro storico a integrazione del Regolamento Urbanistico Edilizio ed è stato predisposto in seguito a un percorso di confronto svolto assieme a ordini e collegi professionali, associazioni di categoria e cittadini, ha ottenuto 12 voti favorevoli da parte del Partito Democratico mentre i 5 voti contrari sono venuti da Bagnacavallo Insieme, Uniti per Bagnacavallo e Lega Nord-Forza Italia.

Nel corso dello stesso Consiglio è stata inoltre data risposta verbale al question time proposto dal capogruppo di Bagnacavallo Insieme Davide Giovannini. La richiesta di chiarimenti riguardava il ricorso al Tar di un’azienda del territorio per l’annullamento parziale degli atti legati al progetto del nuovo collegamento viario tra le strade provinciali Naviglio e San Vitale con soppressione del passaggio a livello sulla via Bagnoli.

Il ricorso, promosso per questioni legate al collegamento funzionale con la nuova viabilità, «non sospende gli atti amministrativi - è stato sottolineato nella risposta del sindaco - pertanto non comporta alcuna interruzione del percorso previsto dal progetto».

Infine, in risposta a un altro question time sul traffico lungo la via San Vitale nei pressi della stazione ferroviaria di Bagnacavallo, l’assessore ai Lavori pubblici ha informato il Consiglio che sono in corso incontri e approfondimenti con la Provincia sia per limitare il transito dei mezzi pesanti nel tratto urbano della San Vitale sia per mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali nei pressi della stazione.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento