sabato 18 maggio 2019

“Abusi di mezzi di correzione” alla scuola Materna di Conselice

Pula . “Episodi che addolorano tutta la comunità. Siamo a disposizione delle famiglie, il governo stia al nostro fianco”. 



Sono davvero amareggiata e contemporaneamente arrabbiata per quanto appreso dai giornali in questi giorni, della conclusione delle indagini preliminari a carico di un'insegnante della Scuola Materna Statale di Conselice.

Viene colpita ancora una altra volta Conselice, la sua comunità e la scuola pubblica.

Sono vicina ai genitori e ai bambini coinvolti in questi fatti che minano, per responsabilità personali di un'insegnante che saranno giudicate dalla magistratura, la fiducia verso la Scuola e la correttezza delle altre figure che operano al suo interno, creando preoccupazioni nelle famiglie e nella comunità. Per questo sono dalla parte della scuola pubblica colpita al suo interno.

Ci sono ferite che lasciano il segno e non si dimenticano e leggere che nella mia comunità si possano essere verificati episodi di questo tipo mi addolora moltissimo.


Quando il Comune fu coinvolto dalla vicenda dei presunti e poi accertati maltrattamenti nell’asilo nido comunale, l’amministrazione comunale si è attivata per porre in atto tutti gli strumenti possibili per risolvere immediatamente le difficoltà. 

Infatti il Comune si è costituito parte civile nel processo ed ha fatto quanto doveva da subito: ha cambiato tutti gli operatori, ha avviato un grande lavoro di rinforzo del coordinamento pedagogico, ha lavorato sulla stretta relazione genitore/servizio, e ci sono voluti anni per riconquistare la fiducia degli utenti. 

Ora la vicenda si è verificata in una scuola statale, dallo Stato mi aspetto lo stesso rigore.

Bisogna che anche a livello nazionale si mettano in campo strumenti di prevenzione e controllo perché non si può sempre intervenire a posteriori del lavoro svolto dalla magistratura.

Non è affatto semplice ma nei servizi alla persona credo serva un controllo sul personale che verifichi la motivazione nel tempo, gli effetti della fatica delle professioni dedicate all'educazione ed alla cura, compreso il controllo sugli abusi di sostanze stupefacenti e sulla tenuta psicologica.

Credo che questo sia l'approccio preventivo giusto.

Poi serve un dialogo fra le istituzioni, fra i vari servizi ed un rapporto costante con i genitori ed i parenti, rapporto che per essere utile deve nutrirsi della costruzione di una reciproca fiducia, della condivisione della gestione e del lavoro degli operatori.

Il Comune sulla sicurezza ha fatto e continuerà a fare la sua parte restando nelle proprie competenze. E’ il Comune che ha investito molte risorse proprie nelle scuole : oltre 5 milioni di euro in 5 anni! Evidentemente non basta avere scuole sicure e belle: serve creare un clima di collaborazione ed un’armonia nelle relazioni. Noi siamo pronti e, mentre la giustizia farà il suo corso, sono a disposizione per ogni necessità da parte delle famiglie che desiderano incontrarmi. Però non si puo’ strumentalizzare a meri fini elettorali l’accaduto e dai governanti nazionali e da chi si pone come candidato mi aspetto lo stesso impegno, lavoro e azione e non solo propaganda.

Mi aspetto poi dai candidati Sindaci lealtà, correttezza e vicinanza innanzitutto alla propria comunità
.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento