giovedì 2 maggio 2019

Barattoni (PD): “La nostra parola chiave è miglioramento”

Riceviamo e pubblichiamo

Nella sede del PD di Ravenna, si è tenuta una conferenza stampa durante la quale il segretario provinciale Alessandro Barattoni ha illustrato le liste presentate alle elezioni amministrative dei comuni al voto il 26 maggio prossimo.


“Abbiamo puntato sul protagonismo dei cittadini – ha detto Barattoni - e di tutti quelli che sono disponibili a dare una mano per migliorare la vita delle comunità in cui abitano. Il Partito Democratico perciò è al centro di coalizioni larghe che comprendono forze politiche e civiche. Nei comuni sopra i 15.000 abitanti, a Lugo, Cervia e Bagnacavallo, le alleanze sono molto più larghe che in passato perché il nostro obiettivo è presentare programmi per i tanti e non per i pochi.

Nei comuni sotto i 15.000 abitanti abbiamo liste civiche che vedono al loro interno persone iscritte al PD insieme a rappresentanti della società civile.

È una bella base di partenza vedere, di fianco all’immagine di sindaci che si ricandidano, i simboli di parti della società che cinque anni fa non erano a sostegno di questa candidatura. Vuol dire che si è lavorato e si è convinto anche chi non la pensava come noi 5 anni fa a sostenere le nostre amministrazioni. Questo lo si fa presentando programmi credibili, fatti di idee e valori per governare le città, non solo facendosi vedere in campagna elettorale.

La nostra parola chiave non è cambiamento ma miglioramento. Del paese in cui si vive e per le persone che ci abitano. Non basta dire ‘Prima Fusignano’ o ‘Prima Massa Lombarda’ e mettere nel simbolo una caveja per essere orgogliosi del proprio comune se poi tutti i giorni si fanno comunicati parlando male delle propria comunità. Si deve provare tutti i giorni a costruire qualcosa per la collettività.

È difficile perché in questo momento soffia un vento di rabbia e di rancore, ma così si rischia di perdere di vista l’obiettivo vero: quello di continuare a crescere e costruire condizioni migliori con servizi di qualità, infrastrutture e investimenti pubblici.

Perché la vera discontinuità dal governo del ‘cambiamento’, che invece sta fermando l’Italia, la vogliamo dimostrare a partire dal governo delle amministrazioni locali, facendo crescere e rendendo più vive le nostre comunità.”

Per quanto riguarda le elezioni europee sono tante le iniziative in campo.

Sabato 4 maggio sarà in provincia di Ravenna il candidato Paolo De Castro, attualmente Primo Vice Presidente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo: alle ore 10.30 nella Sala del Carmine, in via Garibaldi 16 a Lugo si terrà un incontro dal titolo “L’Europa e la politica agricola: riforma della Pac. Le opportunità per gli agricoltori e le garanzie per i consumatori, i rischi della brexit” al quale prenderanno parte anche il candidato sindaco Davide Ranalli e l’assessore regionale Simona Caselli; alle ore 12.30 a Conselice, l’eurodeputato sarà presente a un pranzo insieme alla candidata a sindaco Paola Pula; alle ore 16 presso la sala Agrisfrera, in via Nigrisoli 46 a Sant’Alberto si terrà un’assemblea pubblica sempre sui temi dell’agricoltura.

Domenica 5 maggio sarà la volta di Carlo Calenda che sarà protagonista di un incontro pubblico a Cervia alle Officine del Sale in via Evangelisti 2, alle ore 9.30. Poi si sposterà a Bagnacavallo dove interverrà in piazza della Libertà alle 11. Infine si terrà un pranzo a Lugo presso l’Hotel Ala d’oro alle ore 12.30.

Nelle settimane successive ci saranno incontri anche con la vicepresidente della Regione Emilia Romagna Elisabetta Gualmini, anch’essa candidata al Parlamento europeeo e altri appuntamenti con Paolo De Castro.

“Abbiamo un simbolo rinnovato – conclude i segretario del PD di Ravenna - con cui ci presenteremo alle elezioni europee. Il Partito Democratico vuole essere il perno per le istanze che il nostro Paese deve portare in Europa per migliorarla, favorire la crescita e combattere le diseguaglianze”

Veronica Balbi
PARTITO DEMOCRATICO RAVENNA
Tel +39 0544 281621




"Abbiamo puntato sul protagonismo dei cittadini".... il primo vero protagonismo dei cittadini è scegliersi il proprio candidato, che protagonismo è votare chi ti hanno scelto, la democrazia è un "ristorante dove si scelga, non una festa organizzata da altri a menù fisso....". 

"Sindaci che si ricandidano"..... com'è buono lei, grazie!?

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento