martedì 11 giugno 2019

Fermiamolo

Appello a Di Maio



Chi sono io per mandare appelli a Roma?

Beh, ognuno fa quel che può secondo il credo di Madre Teresa di Calcutta, la goccia nell'Oceano.

L'abbraccio con Salvini vi sta stritolando, vi eravate rivolti prima a sinistra dopo il 4 marzo, non possono piacervi le cose che vuole Salvini, non le singole tante cose, ma i "valori" in cui crede, i suoi non Valori.

Avete vinto a Campobasso. Il pentastellato Roberto Gravina si è imposto con il 69,07% delle preferenze, contro il 30,93% della candidata del centrodestra Maria Domenica D’Alessandro.  Il neoeletto ha chiarito: "Non è vero che sulla mia figura ci sia solo l' avvicinamento da parte del centrosinistra" (che c'è stato), adesso per la Lega tira una brutta aria".

Che detto da un pentastellato fa davvero piacere.

Gravina ha poi aggiunto di essere emozionato per "un risultato importante" e ha sottolineato più volte "l'enorme distacco" in termini percentuali con l'avversario".

Al primo turno la candidata del centrodestra aveva ottenuto il 39,71% delle preferenze, contro il 29,41% del candidato del M5S.


Certo che ha vinto con tanti voti di elettori del Pd.

Avete bisogno di radicarvi sul territorio e il modo migliore è governarlo il territorio, i Comuni, le Regioni, senza alleanze non lo potrete mai fare.

Perchè, masochisticamente lasciate governare Salvini a Roma con voi e sul territorio con Berlusconi e la Meloni, mentre voi perdete il poco che avevate conquistato nei Comuni, ed ovviamente non avete nessuna Regione a differenza di lui che ha un casino?

Già, la Regione, la nostra, lasciate che si prenda anche questa? 

Si è già preso anche Ferrara e Forlì, Domenica.

Ma veniamo a noi, anche Zingaretti, il politico che ha stravinto le Primarie parlando di alleanze, si farà prendere anche la rossa Emilia-Romagna? 

Siamo ad una svolta storica della politica italiana, non è il tempo i presentare programmi di cose da fare che non legge nessuno, perchè non ne abbiamo il tempo, magari non andiamo neanche a votare, così facciamo più presto.

I grandi dibattiti politici della sinistra, le relazioni, gli scontri fratricidi?

L'obiettivo oggi è fermare Salvini, ognuno può avere motivazioni diverse per farlo, ma è l'unica cosa che conta, il resto sono chiacchere.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento