lunedì 22 luglio 2019

Ma quante cose facciamo?

Noi romandioli



Dal nostro osservatorio privilegiato "ci scoppia la testa".

Intanto parliamo ovviamente di noi tutti romandioli, non ci sono differenze tra noi, siamo tutti speciali.

Siamo il giornale nato per raccontare cosa fanno i romandioli, tutto.

Si è rivelata un'impresa titanica, un casino di lavoro, sempre più difficile starci dietro, non lasciare indietro nessuno, non cestinare, come fanno tutti gli altri quotidiani locali, eccetto noi.



Giustamente tutti a "vantare" le tante presenze, ma non è millantato credito, siamo fortunatamente una squadra numerosa in redazione e siamo quasi sempre presenti a verificare che è vero sia così e a farvelo vedere.

Ma il problema (chiamalo problema!!)  è con c'è solo quantità, ma spessissimo anche qualità, del resto non ci sarebbe quantità non ci fosse qualità, lo dice la parola stessa. 

Ma quante cose, e belle anche, riusciamo a fare, e il più delle volte gratuitamente, nel nostro tempo libero e ancora molto spesso per beneficenza, brutto termine, per dare una mano al prossimo.  

Quante muoni di ore lavoro iniziative, feste, sagre, feste di partito...

Balle di Paglia Cotignola
Semmai potrebbe essere utile mettere un pochino ordine,

Intanto creando rete, prima di tutto per far conoscere, far sapere, a questo pensiamo anche noi, ci siamo per dare questo servizio come dicevo, anche per evitare coincidenze di date conoscendosi, scambiandosi idee, progetti, programmi.

Poi per per sollecitare sinergie, fare insieme si fa meglio, di più.


Anche sinergie per pubblicizzarsi con strumenti condivisi, dividendo i costi.
Per questo forse occorrerebbe anche coraggio, un'operazione non facile: selezionare.
Campagne pubblicitarie regionali ma anche nazionali verso eventi di grande qualità.


La Scuola di Musica Malerbi
Ovviamente un lavoro che non può che essere super partes, del Comune se vuole tentare davvero un'operazione di incoming, di grandi numeri dall"estero" promuovendo iniziative "uniche", solo nostre, non esistenti più o meno simili vicino a noi.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento