martedì 27 agosto 2019

La poesia del martedì

La pinsiõn di prufesur

Dõnc j à det che nõ mestr’ e prufesur
u s’ è avnù la maneja dla pinsiõn
e pr e’ gvérn' u j è stê di grènd dulur
ch’ u n’ à in casa la faza d’ un valõn.
Dõnc in prisia, acsè, tra e’ lom e e’ scur,
i minestr' e tot chj étar furbaciõn
cus’ ài fat?, ló j à ciap int al tusur
e j à tac a taiêr al dimisiõn.
E j à det: "Chi ch’ ritira la su dmãnda
e’ sra un benemérit dla naziõn
e la su ricumpẽnsa la sra grãnda":
prèma d’ tot u n’ andrà mai piò in pinsiõn
e pu i-l purtarà in piaza cun la bãnda
che tot i sépa cvãnt ch’ l’ è stê cvaiõn.

Franco d' Sabadẽn

La pensione dei professori

Dunque hanno detto che a noi maestri e professori è venuta la mania della pensione, e per il governo ci sono stati dei grandi dolori che non ha in cassa la faccia di un quattrino. Dunque in fretta, così, tra la luce e il buio, i ministri e tutti gli altri furbacchioni che hanno fatto ?, essi hanno preso le forbici e hanno cominciato a tagliare le dimissioni. E hanno detto: " Chi ritira la sua domanda sarà un benemerito della nazione e la sua ricompensa sarà grande": prima di tutto non andrà mai più in pensione e poi lo porteranno in piazza con la banda che tutti sappiano quanto è stato coglione!

Franco Ponseggi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento