lunedì 5 agosto 2019

Una bella serata al Parco del Loto

Con l'esperto Andrea Gallamini


Nonostante il temporale che si è abbattuto su Lugo nel tardo pomeriggio di venerdì, il sereno è tornato giusto in tempo per l'inizio della visita guidata al Parco del Loto organizzata dal circolo Legambiente “A. Cederna” grazie alla collaborazione dell'esperto Andrea Gallamini.



Ne è perciò scaturita una splendida serata alla scoperta dell'origine di quest'area di riequilibrio ecologico.

“Abbiamo potuto scoprire il Parco del Loto e la coltivazione di questo fiore - ha spiegato Yuri Rambelli, presidente del circolo Legambiente “A. Cederna” - grazie al prezioso supporto di Andrea Gallamini che ci ha raccontato la storia di quest'area gestita dalla sua famiglia a partire dal dopoguerra e di come sia poi diventato negli ultimi anni un parco pubblico”.

Il Parco del Loto è un'ex cava di argilla, successivamente acquisita dalla famiglia Gallamini che ne valorizzò le potenzialità naturali, anche con impianti vivaistici, riconvertendo lo specchio d'acqua alla coltivazione del fiore di loto. L'area, ceduta in seguito al Comune di Lugo, è stata trasformata in un parco di circa 8 ettari dalle caratteristiche semi-naturali in quanto, pur trovandosi praticamente circondata dall'urbanizzazione, costituisce un piccolo mondo a sé stante, dove l'ambiente vegetale si è riappropriato a suo piacimento dell'area, richiamando così anche gli animali (insetti, anfibi, uccelli) che in questa vegetazione fluvio-lacustre-ripariale trovano il loro habitat naturale. Il parco, assieme a questo tratto di canale e al Bosco di Fusignano, fa parte di un'area di riequilibrio ecologico, cioè di un particolare tipo di aree protette create per preservare ambienti naturali o seminaturali che sorgono a ridosso dei centri abitati.

Oltre a spiegare le caratteristiche dell'area e delle piante che la caratterizzano, la visita è stata anche l'occasione per illustrare il nuovo dépliant realizzato dall'associazione con il contributo di Coop Alleanza 3.0 per raccontare la storia del Canale dei Mulini di Castel Bolognese, Lugo e Fusignano: un'eredità storica ed un percorso turistico naturale che attraversa la “Bassa Romagna”. L'opuscolo è disponibile presso Legambiente e i punti vendita Coop di Alfonsine, Fusignano e Lugo.

Per tutti quelli che non hanno potuto partecipare all'evento, forse perché dissuasi dalle condizioni meteorologiche, la visita al Parco del Loto verrà replicata Mercoledì 7 Agosto alle 19.

Sul sito www.terramagazine.it sono disponibili i video realizzati da Legambiente e la vasta galleria fotografica realizzata durante le escursioni.

La visita è gratuita.

L'ufficio Stampa 348-3697503

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento