La poesia del martedì

A ócc asré


Un pas e pu un ētar,
sénza ’vṡogn ’d avdȇ’,
u t bastarà i prufóm e j armùr
par savȇ’ in do t si.
Un ṡbatar ’d bichìr,
l’incéns int e’ nȇṡ,
vȏṡ ch’ a l discùt
’d la partìda ’d ajir.
E’ sȏn ’d l’acua frèsca
żò da e’ tub ’d la funtȃna,
l’udȏr ’d pȃn sfurnȇ
e una mēṡna ch’ la và.
Una strȇ ch’ la sparès,
strèta, tra i chémp,
ch’ la carèza cal luṡ
e cal vȏṡ ’d ’n ētar témp.

Roberto Pontoni


A occhi chiusi


Un passo e poi un altro, / senza il bisogno di vedere, / basteranno i profumi e i rumori / per sapere dove sei.

Uno sbatter di bicchieri, / l’incenso nel naso, / voci che discutono / della partita di ieri.
Il suono dell’acqua fresca / giù dal tubo della fontana, / il profumo del pane sfornato/ e una macina che va.

Una strada che scompare, / stretta, tra i campi, / che accarezza le luci / e le voci di un altro tempo.

Roberto Pontoni

Ultime Notizie

Rubriche