The Noose

Domenica scorsa Michele Fontanieri ha inaugurato il suo primo locale a 13 anni

di Lucia Baldini


Un mese fa circa, in casa Fontanieri. “Ascoltate, a me serve uno spazio tutto mio?” “Scusa, Michele, in che senso?” “Sì, insomma, un luogo dove starmene per conto mio…anche con i miei amici, ma solo mio, tutto mio”.

“Osta…ma hai intezione di andare a vivere da solo?”

E allora papà Giovanni (ma quanto si lavora in pensione? n.d.r.) è diventato architetto, muratore, imbianchino, elettricista ecc.

E Domenica pomeriggio ecco l’inaugurazione, con tanti amici, in un’atmosfera simpatica e gioiosa.

Ma aspettati anche, Michele,  Tari, Tasi, Imu, bolletta della luce, eccetera. Ogni medaglia ha il suo rovescio.

Giustamente soddisfatto del suo lavoro il papà, “…..bella l’iniziativa di realizzare uno spazio che dia vita a una prima forma di indipendenza”, e, aggiungo io, con materiale di recupero.

Travolto dai like su facebook, Michele commenta: “Ma papà ci pensi…ho aperto il mio primo locale a 13 anni!”

Ecco qua The Noose per i lettori del pavaglione che non erano presenti all’inaugurazione:


Molto curati i dettagli

 Il soppalco fa tendenza


Notare la presenza di Chupa, fanno la differenza!

In continuità con l’ambiente circostante

Prima io! mettiti in fila!

L’importante è esserci e lasciare un segno!

Fa buio prestino

Fa un certo effetto vedere crescere dei cuccioli, un misto di sensazioni anche e soprattutto contrastanti. D’altra parte è giusto così, la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro, ha scritto Khalil Gibran.

Lucia Baldini

Ultime Notizie

Rubriche