giovedì 7 novembre 2019

Lettera a Di Maio

Le elezioni in Emilia Romagna

Daranno due possibili risultati, il nuovo Governatore sarà ancora Bonaccini, o la leghista Bongonzoni.

La prima ipotesi si avrà se noi grillini (?? io fingo di esserlo) voteremo Bonaccini e non un nostro candidato. 

Bonaccini da solo, solo con la sinistra, non ce la fa, è straprobabile, dopo che la Lega alle europee in Emilia Romagna ha vinto e da allora sembra sia cresciuta ancora.

Se sarà così tu Di Maio perderai ancora, il Movimento subirà un'altra sconfitta elettorale e probabilmente ti manderemo a casa.

La seconda, la vittoria della Borgonzoni ci sarà se noi avremo un nostro candidato e quindi cresceremo, finalmente, e tu ti salverai.

Con la regione rossa diventata leghista diventerà impossibile non prendere atto della volontà del popolo sovrano di avere le elezioni politiche, che ovviamente saranno vinte da Salvini.

A quel punto non sarai tu ad andare a casa, ma noi tutti, il Movimento, nato per essere movimento  di protesta, poi sulla base del successo ottenuto inevitabilmente passato a partito di governo.

Un partito di governo che ha fallito, dopo addirittura due tentativi. 

Tornando indietro, tornando alla protesta, chi ci crederà più? Perchè votarci? Perchè darci i voti per tornare in maggioranza se poi sarà evidente che non siamo capaci di governare con quei voti?

Le elezioni di gennaio nella regione rossa sono un bivio storico per il nostro Movimento, è arrivato il momento per noi, per la scelta "definitiva".

O ti immoli perchè il governo possa andare avanti, e governando bene possa recuperare consensi nei prossimi tre anni tenendo i barbari fuori dalla porta, o andiamo a casa tutti, noi e la sinistra e offriamo l'Italia a Salvini.

Arrigo Antonellini elettore PD

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento